Cronaca

A.A.A. collaboratore cercasi ma con bando rigorosamente lampo

BARI- Quantificarle tutte è quasi impossibile perché oltre a quelle arruolate nei palazzi della politica, c’è l’esercito in forza nelle agenzie e nelle partecipate. Fatto sta che ogni anno le consulenze richieste dalla Regione e più in generale da tutta la Pubblica Amministrazione sono davvero tante.
Per l’Ente di Lungomare Nazario Sauro è possibile una stima approssimativa, tra gli incarichi esterni, le consulenze in senso stretto, i gettoni di presenza e quanto altro vanno via nella migliore delle ipotesi 6milioni di euro. Ma il punto, al di là delle spese che sono certamente un punto essenziale, è il modo di selezionarle.

Ultimamente se ne fa un gran parlare e con toni polemici. A finire sotto la lente è principalmente la Asl di Lecce rea, secondo le accuse del centrodestra, di aver assunto con un bando lampo e poco visibile una militante di Sel per la comunicazione, e di aver affidamento il servizio di supporto al 118 di Nardò senza gara ad un’associazione a titolo oneroso (oltre 51mila euro per 6 mesi).

Prima ancora fu l’assessorato all’agricoltura ad esser preso di mira per l’infornata di Co.co.co senza procedure pubbliche. Poi è la volta di Pugliapromozione a selezionare personale durante le ferie natalizie. Non fa differenza InnovaPuglia che pubblica avvisi di selezione per una decina di giorni di media attingendo tra l’altro unicamente dall’albo consulenti al quale ci si deve necessariamente iscrivere se si intende concorrere per un posto.Ma questa abitudine è comune a molte amministrazioni. Il Comune di Grottaglie, ad esempio, ha selezionato un dirigente pubblicando il bando per 11 giorni lavorativi. Ma il record per il momento lo raggiunge la Provincia di Barletta – Andria – Trani che ha selezionato un collaboratore per lo staff del presidente pubblicando il bando da venerdì 12 dicembre a venerdì 19, quindi con soli 4 giorni lavorativi utili a disposizione di chi fosse interessato a partecipare.

E di esempi ce ne sono a no finire. Il punto è che i bandi sono lampo e mal pubblicizzati. Ecco perché sorge il dubbio che in realtà ad essere assunti siano sempre gli occhi attenti e vicini ai politici.  

 

 

 

Articoli correlati

Arriva Maiorano, il nuovo questore incontra il Prefetto

Redazione

Gli auguri dei leccesi ai leccesi: Salute e lavoro

Redazione

Enel abolisce le agevolazioni tariffarie, mille ex dipendenti sul piede di guerra

Redazione

Nardo’, beni per 400 mila euro sequestrati ad un affiliato alla Scu

Redazione

Scontri Andria-Lecce, i 6 ultrà patteggiano la pena e tornano in libertà

Redazione

Scarti di demolizione senza autorizzazioni: il Noe sequestra tre aree sulla Lecce-Novoli

Redazione