Cronaca

‘Banda del rame’, il presunto capo respinge le accuse

LECCE  –   Ha respinto le accuse Quintino Causo, 49 anni, originario di Casarano, presunto capo della ‘banda del rame’ sgominata dai Carabinieri della Compagnia di Maglie, venerdì scorso. Con il suo Avvocato Mario Coppola, ha spiegato al GIP Carlo Cazzella, che ha firmato le 9 ordinanze di custodia cautelare, che lui sapeva dei furti ma con i furti non c’entrava nulla.

Tra silenzi e piccole verità, si sono svolti in mattinata gli interrogatori davanti al Giudice.

Articoli correlati

Federbalneari fa incontrare i Comuni di Lecce e Vernole: più parcheggi per tutti e due navette

Redazione

Giallo a Porto Selvaggio, 21enne trovato in stato confusionale e con ferite su tutto il corpo

Redazione

Gestione non autorizzata di rifiuti pericolosi, sigilli del Noe in un’azienda

Redazione

Scontro tra due auto a Leuca, una si ribalta su se stessa

Redazione

Anfiteatro pericolante, il Pd scrive al Commissario prefettizio

Redazione

Alla “L.Tempesta” topi in classe, genitori fuori: il Comune non risponde

Redazione