Cultura

Serata duetti: “Sandrina” e i Boomdabash omaggiano il Salento

SANREMO – I quattro Cantati salentini in gara al Festival di Sanremo, hanno sfoggiato la propria anima e la propria personalità sul palco dell’Artiston.

Quattro pezzi diversi, che hanno messo in risalto non solo le caratteristiche vocali e sonore degli artisti e dei loro partner, ma che raccontano storie e trasmettono emozioni al pubblico in plaeta e a quello da casa. Tra pareri contrastanti e critiche, la leccesissima Alessandra Amoroso, ha scelto come suoi partner i conterranei Boomdabash. Insieme hanno omaggiato la loro terra d’origine: il medley iniziato con alcune note di Fallin’ di Alicia Keys, è proseguito con “Le radici ca tieni”, l’inno al Salento scritto dai Sud Sound System. Poi è esplosa la festa: con le hit più famose del gruppo composto da Payà, Ketra, Blazon e Biggie Bash il teatro si è scatenato al ritmo delle canzoni in dialetto. Un’esibizione movimentata, impreziosita dal corpo di ballo candidamente vestito e coreografato da Andreas Muller e Veronica Peparini. Intorno a mezza notte e mezzo è sato il turno dei Negramaro che insieme a Malika Ayane hanno voluto rendere omaggio a Lucio Battisti eseguendo la sua Canzone del Sole. Un’esibizione eclettica dov’è risaltata la fusione tra il pop-rock della band e la voce blues di Malika.  E infine, dopo il cast della fiction Mameli, il palco dell’Ariston è stato calcato da Emma e Bresh che hanno interpretato i più grandi successi di Tiziano Ferro. Una performance intensa, composta dai brani Imbranato, Non me lo so spiegare e Sere Nere.

Anche l’Unione Sportiva Lecce tifa i campioni della sua terra e su Instagram dedica loro un post a tinte giallorosse.

Ora testa alla serata finale, al termine della quale sapremo chi ha realmente trionfato alla 74esima edizione della kermesse.

Nessuno dei “nostri” cantanti è comparso nella top five della serata duetti, ma per questa finale tutto potrebbe cambiare. Chissà quali sorprese ci riserverà questa serata conclusiva.

Francesca Spinetta

Articoli correlati

“Educare alla non violenza” per fermare le brutalità

Redazione

Artisti senza tutele: scatta la mobilitazione in piazza

Redazione

Chiese aperte a Lecce, la svolta arriva dalla Curia

Redazione

A San Massimiliano Kolbe la spada di San Michele che porta la pace

Redazione

Salento ovunque; si rinnova l’appuntamento con il San Martino Salentino a Roma

Redazione

1 Maggio “Libero e Pensante”, Sangiorgi e la dedica a Taranto- Il video

Redazione