Sport

Lecce, al Franchi si parte con la soluzione di scorta

LECCE – (t.d.g.) Nicolas Gonzalez nella Fiorentina, Nikola Krstovic nel Lecce. Due modi differenti di fare gol. Differenti anche le posizioni. L’attaccante viola ha già segnato in Italia, 14 gol complessivi nella passata stagione, uno già in apertura sabato scorso. La punta del Lecce, invece, deve ancora esordire nel campionato italiano.

Krstovic è stato impegnato nei giorni scorsi per regolare il suo status di extracomunitario in Italia. L’avventura può iniziare, ma il campo di allenamento lo ha visto poco. Non è un problema poiché in Slovacchia aveva già iniziato il campionato e di conseguenza la stagione era partita prima.

Sicuramente se giocherà e arriveranno palloni nel punto giusto basterà il fiuto del gol.

Intanto D’Aversa ha lavorato sul modulo con Strefezza falso attaccante. È questa la soluzione in questo momento più affidabile. Serve, certo, un lavoro particolare da parte di Strefezza, ma pure di chi dovrà portare palloni nella trequarti offensiva.

L’alternativa è schierare Burnete riferimento avanzato con un terzetto di trequartisti alle spalle. Soluzione adottata contro la Lazio dando ottimi risultati visto che il Lecce ha ribaltato la gara.

In un modulo o nell’altro dovrebbe essere la partita del debutto di Krstovic. Capirà subito le difficoltà che dovrà affrontare in Serie A per imporsi in uno dei campionati più difficili d’Europa.

Con il suo arrivo Trinchera e Corvino hanno completato la batteria di attaccanti. Forse neanche l’eventuale partenza di Voelkerling indurrà i responsabili del mercato giallorosso ad assicurare un altro ricambio offensivo a D’aversa.

 

Articoli correlati

Lecce, si spera per Adjapong e Calderoni. A destra c’è pure Pierno

Redazione

Senglin in cabina di regia per la Happy Casa Brindisi

Redazione

Serie D, Brindisi ritiro in Basilicata

Redazione

Liverani: “Il Sassuolo gioca bene a calcio. Salvezza possibile”

Redazione

Baroni ne convoca 24 per Cremona, ecco la lista

Redazione

Taranto alla finestra, il Matera cerca l’aggancio

Redazione