Sport

Taranto e l’entusiasmo riacceso

TARANTO – Lo sognava Ezio Capuano, lo ha voluto e ha posto le basi perché accadesse, ha dunque riacceso l’entusiasmo della gente di Taranto, dei tifosi rossoblù, che negli ultimi anni si era sopito.

Così ha deciso di aprire le porte del primo allenamento di questa nuova stagione dopo il lungo ritiro di Cascia e la squadra si è presentata sul campo B dello Iacovone tra gli applausi di oltre 500 persone presenti.

Il calcio è del popolo e Capuano ha voluto riportarlo al popolo.

Adesso il popolo rossoblù deve fare la sua parte in questo nuovo progetto mirato ad alzare l’asticella della competitività per provare a raggiungere una salvezza tranquilla, con largo anticipo, e magari puntare in modo concreto alla zona playoff del girone C del Campionato di serie C.

L’entusiasmo c’è, i tifosi ci credono.

Adesso bisognerà completare la rosa, Ezio Capuano sta lavorando sottotraccia per sistemare tutti i tasselli.

Allo stesso tempo però bisogna preparare il difficile esordio campionato con il Foggia.

Si ricomincia il 3 settembre ma nel mezzo ci sono le due amichevoli, anzi i due allenamenti congiunti.

Il 20 agosto la truppa rossoblù, alle 17.30, farà visita al Fasano, al Curlo mentre il 27 agosto dovrebbe giocare al Tursi con il Martina, si attende di conoscere l’orario.

Questi i due ultimi step prima di mettere sulle spalle la nuova maglia ufficiale e iniziare il campionato con un avvincente derby, col Foggia.

A Taranto si respira aria serena e i tifosi credono in questo nuovo progetto.

La squadra insieme al suo allenatore sogna in grande.

Ci sono tutti gli ingredienti per partire col piede giusto.

Articoli correlati

Primavera 1 – Corvino e Trinchera incontrano Cristian Nikolaev Pehlivanov

Redazione

Lecce, Corvino e Trinchera al lavoro per Gotti. Visite mediche per Pierret

Carmen Tommasi

La telenovela continua: benvenuti in casa Brindisi

Redazione

HDL Nardò, ancora insieme a Dalmonte

Massimiliano Cassone

Taranto, stand-by su tutti i fronti

Francesco Friuli

Lecce Primavera, il saluto di mister Coppitelli

Redazione