Sport

Se restano i big può nascere un grande Taranto

Gianmarco Vannucchi, portiere del Taranto (foto W. Nobile)

TARANTO – Tante incognite intorno al Taranto che nascerà per disputare il prossimo campionato di serie C.

Il motivo di queste incognite è più che altro alimentato dall’incertezza sulla permanenza dei big della squadra che nella stagione appena conclusa ha conquistato la salvezza ed ha mancato i playoff per un nonnulla.

E dunque parliamo della saracinesca rossoblù, il portiere Vannucchi, del difensore centrale Antonini e di capitan Ferrara e per tutti e tre fioccano le offerte e qualcuno di loro potrebbe diventare moneta di scambio ma nel caso dovessero rimanere, cosa che può accadere, rappresenterebbero il valore aggiunto di una formazione che deve nascere con sei presupposti ben precisi e dovrà sfruttare tutti gli slot possibili per il minutaggio dei giovani, dunque sarà un mix di esperienza e gioventù.

Non ci sono soltanto questi tre però, perché tra le certezze della scorsa stagione bisogna annoverare anche Manetta e Mastromonaco, anche loro potrebbero rappresentare la spina dorsale della formazione; è noto anche l’interesse per il bomber Tommasini, autore di 8 gol, tornato al Pisa che potrebbe decidere di dare ancora al Taranto.

Dunque le prime decisioni da prendere saranno proprio queste: chi dei protagonisti della scorsa stagione sarà trattenuto? Se dovessero rimanere tutti e allora che con i nomi che circolano andrebbero a formare veramente una squadra interessante pronta a giocare sempre con la difesa a 3 ma non solo col 3-5-2 ma anche con la variante 3-4-3.

Ricordiamo che a Capuano piacciono Micovschi e Ceccarelli dell’Avellino e poi i giovani dell’Empoli Gabriele Guarino, Jordan Boli e Duccio Degli Innocenti, ed ancora Iaccarino e Manu del Matera ed i giovani Bertini e Floriani della Lazio ed infine Ermini del Potenza e Gala del Milan.

Nomi, per adesso tanti nomi, ma ancora nessuna ufficialità.

Bisogna aspettare ancora un po’ e poi scopriremo le reali intenzioni della squadra ionica.

Articoli correlati

Lecce, adesso è ufficiale, ritiro in Austria dal 14 al 28 luglio

Massimiliano Cassone

Il Lecce non rinnova con Chevanton e Mazzeo

Redazione

Basket A2, Avantaggiato nuovo General Manager di HDL Nardò Basket

Massimiliano Cassone

Brindisi: incognite e speranze ma il tempo passa

Massimiliano Cassone

Lecce, Ubani terzino destro tedesco per la Primavera 1

Redazione

Lecce, volti nuovi, campagna abbonamenti e ritiro in Austria

Massimiliano Cassone