Cronaca

Lequile, ucciso mentre prelevava al bancomat: in Appello Procura invoca conferma ergastoli

LEQUILE – Torniamo a parlare di un brutto fatto di cronaca: l’assassinio di Giovanni Caramuscio, 69enne che nel luglio di due anni fa fu ucciso a Lequile davanti ad uno sportello bancomat che aveva raggiunto, insieme alla moglie, per prelevare.

Una tentata rapina sfociata nel sangue: questo appurarono le indagini.

Ebbene per i due soggetti ritenuti responsabili dell’assassinio, Paulin Mecaj (32enne di Lequile) e Andrea Capone (29 anni di Lequile) in mattinata la Procura ha invocato la conferma dell’ergastolo a cui entrambi erano stati condannati in primo grado.

Ad incastrare i due indagati furono le indagini dei carabinieri, coordinati dal Pm Alberto Santacatterina: telecamere di videosorveglianza e testimonianze si rivelarono fondamentali per individuare Mecaj quale esecutore materiale (coluì che sparò sostanzialmente) e Capone come complice. Nonostante i ruoli diversi, la Corte d’Assise presieduta da Pietro Baffa il 6 dicembre scorso condannò entrambi al carcere a vita.

Per il processo d’appello, attualmente in corso, si torna in aula il 15 giugno prossimo.

 

Articoli correlati

Omicidio Montinaro, continua l’ascolto degli imputati: contraddizioni e dubbi

Redazione

Gli effetti del precariato sulla psiche: ecco il focus sul “Lavoro atipico”

Redazione

Tap, è querelle sulle dichiarazioni del Questore di Lecce

Redazione

Copertino, rapina in supermercato: banditi via con l’incasso

Redazione

Giallo a Leporano, auto distrutta dalle fiamme

Redazione

Nuovo sbarco sulle coste del Salento, fermati 39 clandestini su barca a vela

Redazione