Cronaca

Notte di Natale rovente: a fuoco tre autovetture

TUGLIE/MATINO – Non si fermano gli incendi di autovetture, anche nella notte di Natale: ad essere avvolte dalle fiamme, questa volta, sono state ben tre automobili. Le prime due, una Fiat Panda e una Volvo XC, parcheggiate a pochi metri di distanza l’una dall’altra, sono andate a fuoco a Tuglie in via Amerigo Carluccio, e sono state completamente distrutte. I mezzi coinvolti sono intestati rispettivamente a una 66enne del posto e a suo fratello, un 64enne che risiede in Svizzera per motivi di lavoro ma che era tornato in Salento in occasione delle festività.

La stessa sorte, un’ora dopo, intorno alle 3, è toccata ad una Audi modello Q7, incendiata a Matino in via degli Eucalipti e intestata a una 60enne del luogo.

In entrambi i casi sono intervenuti i caschi rossi di Gallipoli, che hanno prontamente domato le lingue di fuoco, scongiurando così ulteriori danni a cose o persone. Sono in corso le indagini per accertare la natura degli incendi, per i quali non si esclude l’ipotesi dolosa.

Questi episodi, purtroppo, sono solo gli ultimi di una lunga serie: altre due autovetture, ricordiamo, sono andate a fuoco la notte della Vigilia di Natale a Tuglie e a Squinzano. A conferma di come, ormai, i roghi di autoveicoli nel Salento siano diventati una vera e propria emergenza, tanto da essere stati, il 12 dicembre, al centro di un tavolo in Prefettura, al quale hanno preso parte le forze di polizia, il sindaco e il Prefetto di Lecce. L’invito, allora come adesso, è sempre e solo uno: segnalare.

Giorgia Durante

Articoli correlati

Omicidio Afendi, l’assassino reo confesso oggi davanti al Gip. Domani autopsia e tavolo in Prefettura

Erica Fiore

Il fuoco non si ferma. Riprende a bruciare la Pineta di Torre Veneri

Redazione

Sarà Mons. Michele Seccia il nuovo vescovo di Lecce

Redazione

Country Club a Otranto, l’abbandono di Stato: ecco le immagini nel villaggio dimenticato

Redazione

Zara promette un 2014 esplosivo: “L’università capitale della cultura”

Redazione

Day Hospital Oncologico, dai pazienti promosso con riserva

Redazione