Cronaca

Scovati b&b e residence “furbetti”: tasse evase per 140mila euro. 13% dei lavoratori in nero

LECCE E PROVINCIA – Due mesi di controlli a tambur battente sono bastati a stanare più di venti imprenditori o aspiranti tali nel settore turistico ricettivo della provincia di Lecce. Qualcuno ha dimenticato – si fa per dire – di pagare le tasse, anche per anni. Qualcun altro, nel basso Salento, ha trasformato una masseria e un immobile in strutture ricettive senza alcuna autorizzazione. In molti, per giunta, hanno impiegato lavoratori in nero.

I controlli condotti a luglio e agosto dai finanzieri del comando provinciale leccese hanno partorito sanzioni e segnalazioni soprattutto nell’hinterland di Gallipoli, Otranto, Castro, Tricase e Leuca.

Complessivamente l’evasione fiscale accertata da parte dei gestori di b&b, residence e affittacamere ammonta a 140mila euro.

Trentacinque sono poi i lavoratori impiegati in queste attività senza alcun contratto di assunzione, altri sei quelli impiegati irregolarmente con orari o mansioni diversi da quelli concordati nero su bianco. Su questo fronte sono otto gli imprenditori della provincia segnalati: oltre alla sanzione, rischiano la sospensione dell’attività esercitata. Un dato emerge, su tutti, in modo inequivocabile: su 260 posizioni lavorative esaminate, il 13% sono risultate irregolari.

Nel Gallipolino controlli specifici sono stati condotti per monitorare il fenomeno delle “case pollaio”, che pure persiste: qui sono stati riscontrati ancora immobili in condizioni igienico-sanitarie precarie e sovraffollati.

E.FIO

 

 

 

Articoli correlati

Mondo della giustizia in lutto: si è spenta la magistrata Stefania Mininni

Erica Fiore

Sparatoria a Brindisi, a Lido Risorgimento, due feriti

Andrea Contaldi

Salve, scontro sulla via per il mare. Tre feriti, due in codice rosso

Redazione

Taurisano, botte al fratello e alla madre. Arrestato 39enne

Redazione

Ingegnere sconosciuto al fisco: non dichiarati 280mila euro

Redazione

Lei lo lascia, lui s’impicca: la tragedia a Surbo

Redazione