Sport

Coda 100 e lode: il Lecce batte il Frosinone e si rilancia

LECCE (G. Serafino) – Il Lecce batte il Frosinone nella prima delle ultime 7 finali di stagione e si rilancia prepotentemente nella lotta per la promozione diretta. Ai giallorossi basta un gol del solito Massimo Coda per avere la meglio sui canarini ciociari: un gol arrivato nel corso del primo tempo e che vale al bomber la rete numero 100 in carriera in Serie B. Una gara condotta da parte dei salentini che non corrono particolari pericoli, mentre il Frosinone con questo KO si tira fuori dalla lotta per i primi due posti.

Dopo la settimana di sosta, utile per tirare il un po’ il fiato, ma soprattutto per recupero pi di qualche acciaccato, il Lecce torna a riproporre il tridente titolare, quello composto cioè da Strefezza, Di Mariano e bomber Coda. In porta, invece, è ancora assente Gabriel, ma si rivede Bleve che torna a difendere i pali: davanti a lui Calabresi, Lucioni, Tuia e Gallo, mentre in mezzo mister Baroni si gioca Blin dal 1′ al fianco di Hjulmand insieme a Gargiulo.

Il Frosinone, che al “Via del Mare” si gioca il tutto per tutto per tentare una clamorosa rincorsa alla promozione diretta, si presenta con un 4-3-3 atipico, con Minelli in porta Barisic, Kalajm Gatti e Cotali in difesa, Ricci-Boloca-Lulic tris in mezzo, in avanti Zerbin, Ciano in posizione di falso nueve e Canotto.

Arbitra l’incontro il signor Marco Guida della sezione di Torre Annunziata.

PRIMO TEMPO – Chiaro fin dai primi minuti il copione della gara: il Lecce fa, imposta, comanda ritmi e gioco, mentre gli ospiti si chiudono alla perfezione, quasi ermeticamente, e cercano lo spunto in contropiede. L’emblema perfetto arriva al 11esimo quando i giallorossi sbagliano in fase di costruzione e prova ad approfittarne Lulic: premiato il taglio in area di Zerbin, palla giocata sul lato opposto dove però Tuia fa buona guardia. Al quarto d’ora occasionissima Lecce. Grande palla di Coda che vede un bel movimento a tagliare di Di Mariano che beffa il suo marcatore Kalaj: il numero 10 penetra in area, ma spara su Minelli, la sfera torna sui suoi piedi (anticipando anche Strefezza), ma il nuovo tentativo si spegna sull’esterno della rete. Nel frattempo arrivano le prime ammonizioni, tutte in casa Frosinone (Barisic, Ricci e Gatti). Al 25′ conclusione da dentro l’area per il Lecce ad opera di Hjulmand che si trova apparecchiato il tiro da Gargiulo: la palla però finisce su un difensore e si spegne in corner. Al 39esimo, però, salta al tappo del match con il Lecce che passa. La rete arriva da l’uomo più atteso, Massimo Coda che fa 19 in stagione e 100 in Serie B: conclusione di testa chirurgica del bomber che corregge in rete un cross perfetto di Checco Di Mariano. Minelli non può nulla e per Max Coda c’è il giusto tributo ai piedi della Curva Nord. Nell’unico minuto di recupero c’è un’iniziativa del Frosinone: Zerbin penetra in area dal settore macino, serve l’accorrente Ricci che però manda abbondantemente fuori.

SECONDO TEMPO – Subito un cambio nel Frosinone prima della ripresa della gara: esce l’ammonito Barisic, al suo posto Oyono. In avvio di seconda frazione gli ospiti provano a rimettere in pari le sorti del match, ma la difesa del Lecce chiude tutto. Mentre vengono ammoniti Calabresi e Blin (entrano entrambi in diffida), ci sono problemi per Gabriel Strefezza dopo uno scontro con un avversario: in campo i medici sociali e persino la barella. Approfitta del break Fabio Grosso che opera tre cambi: richiamati in panchina Canotto, Zerbin e Lulic al loro posto, rispettivamente, Tribuzzi, Cicirelli e Novakovich. Risponde subito Baroni con un doppio cambio: Gargiulo e Blin fuori, Bjorkengren e Faragò dentro. Al 63′ Lecce vicino al raddoppio: Strepitoso recupero palla da parte di Calabresi che si accende e innesca la ripartenza: palle per Strefezza che serve Coda, ma il bel tiro del numero 9 finisce fuori di poco. Poco dopo brutta palla persa da Faragò sulla sua trequarti, prova ad approfittarne Novakovich che entra in area ma si trova la stoica opposizione di Hjulmand. Al minuto 75 clamorosa chance per il Lecce che si divora il 2 a 0. Coda apre magistralmente per Di Mariano che ha campo aperto davanti a sé, lo affronta il portiere Minelli che non lo contiene con l’ex Venezia che vede la porta vuota e calcia: Cotali salva sulla linea e Strefezza, dall’altro lato, non riesce a correggere in rete. Prosegue, intanto, la girandola dei cambi (fuori Calabresi, Di Mariano ed un acclamatissimo Coda, dentro Gendrey, Listkowski e Asencio). Al 89esimo pericolo in area salentina: Tribuzzi penetra e cerca una conclusone in diagonale, ma Lucioni si frappone alla grande. Nei 5 minuti di recupero il Lecce cerca di tenere lontano ogni pericolo con un paio di calci d’angolo conquistati (mentre finiscono sul taccuino dei cattivi Gallo e Asencio). L’ultima emozione è di marca gialloblu: azione convulsa al limite dell’area del Lecce con una serie di rimpalli: alla fine spazza la difesa giallorossa. Poi il triplice fischio che vale il ritorno ai 3 punti dopo gli ultimi 4 pareggi di fila.

Il Lecce così si rilancia, avvicina la Cremonese (fermata sull’1-1 in casa dalla Reggina), mentre la Curva Nord indica la via: “Vogliamo tutte vittorie“.

TABELLINO

Lecce (4-3-3): Bleve; Calabresi (dal 76′ Gendrey), Lucioni, Tuia, Gallo; Hjulmand, Blin (dal 62′ Faragò), Gargiulo (dal 62′ Bjorkengren); Strefezza, Di Mariano (dal 85′ Listkowski), Coda (dal 85′ Asencio). A disposizione: Plizzari, Barreca, Dermaku, Helgason, Majer, Ragusa. Allenatore: M. Baroni

Frosinone (4-3-3): Minelli; Barisic (dal 45’Oyono), Kalaj (dal 68′ Maestrelli), Gatti, Cotali; Ricci, Boloca, Lulic (dal 60′ Novakovich); Zerbin (dal 60′ Cicerelli), Ciano, Canotto (dal 60′ Tribuzzi). A disposizione: Marcianò, Palmisani, Rohden, Haoudi, Bozic, Manzari. Allenatore: F. Grosso

Marcatori: 39′ Coda
Ammoniti: 18′ Barisic, 23′ Ricci, 29′ Gatti, 53′ Calabresi, 56′ Blin, 70 Ciano, 70′ Cotali, 88′ Gallo, 92′ Asencio
Recupero: 1′ pt, 5′ st
Spettatori: 9.327 (incasso 88.796,00 euro)
Arbitro: Marco Guida della sez. di Torre Annunziata
Assistenti: Davide Miele della sez. di Torino – Daisuke Emanuele Yoshikawa della sez. di Roma 1. IV Ufficiale: Mario Cascone della sez. di Nocera Inferiore. VAR: Daniele Minelli della sez. di Varese (AVAR): Valerio Colarossi della sez.di Roma 2.

Articoli correlati

Ecco Pierret: il nuovo Lecce prende forma

Redazione

Lecce, campagna abbonamenti 2024\25: venerdì la presentazione

Redazione

Lecce, Maleh torna alla base: futuro da decidere

Tonio De Giorgi

Taranto, c’è attesa per la programmazione

Francesco Friuli

New Basket Brindisi, campagna abbonamenti all’orizzonte

Massimiliano Cassone

Lecce, Maleh resta o va?

Tonio De Giorgi