AttualitàEvidenza

Dal Salento al confine ucraino: “Partiamo con aiuti, torniamo con famiglie”

MERINE – Al valico di Medyka, tra Ucraina e Polonia, si accalcano giorno dopo giorno centinaia di persone, in prevalenza donne e bambini in fuga dalle bombe. È lì che sono diretti Francesco Bascià e sua moglie Federica. Sono partiti giovedì da Merine, dove vivono. Insieme a loro, a bordo di un camion pieno di viveri e abbigliamento, c’è Maria Rosaria Ostapczuk, di origini polacche ma da anni residente a Galatina. Venuta a conoscenza dell’impresa di questa coppia di salentini, che ha poi trascinato con sé altri due amici con un secondo camion, non ha esitato a mettersi in viaggio insieme a loro.

Due camion si diceva. E questo perché con il suo nove posti Francesco pensava di farcela a trasportare al confine quanto raccolto nei giorni precedenti. E invece il passaparola, il coinvolgimento spontaneo di tantissime associazioni di tutta la provincia di Lecce e il supporto offerto dai volontari della Croce Rossa li hanno letteralmente travolti di provviste, abbigliamento, medicinali e tutto il necessario. La loro casa si è trasformata, nel giro di 24 ore, in un deposito ricco d’amore.

A impacchettare con cura i beni sono state le figliolette Giorgia e Sofia, di 15 e 11 anni. La pace hanno deciso di seminarla così, con le loro giovanissime mani, che per giorni non hanno smesso di imballare. La travolgente gara di solidarietà, alla fine, ha spinto la coppia a chiedere aiuto a due amici di Racale, Giuseppe e Francesco: sono loro ad alternarsi alla guida di un secondo camion, anche questo pieno zeppo di scorte, inclusi alimenti per gli amici a quattro zampe, anche loro in fuga dal conflitto.

Non solo soli. Dietro di loro c’è una lunghissima carovana di mezzi di associazioni e cittadini provenienti da altre regioni.

Non sono soli e non torneranno soli. Ad attenderli al confine ci sono già due famiglie con le quali Maria Rosaria – grazie alle sue conoscenze in terra natia – è riuscita a mettersi subito in contatto.

Dove saranno accolte le persone che torneranno insieme a loro? “C’è l’imbarazzo della scelta -raccolta Francesco- abbiamo ricevuto così tante disponibilità di alloggio, che abbiamo già in programma un altro viaggio”.

“Vincere una guerra non basta – come direbbe Aristotele – È più importante organizzare la pace”. E in quell’organizzazione il Salento c’è e ce la sta mettendo davvero tutta.

ERICA FIORE

Articoli correlati

Caos parcheggi estivi, vertice in Prefettura per tentare di salvare la stagione estiva

Sergio Costa

“Giorgia continui ad essere curata in America”

Redazione

Colaci (MRS) ai parlamentari galatinesi: “Interrogazione su ospedale quando?”

Redazione

Bullismo e #liveforthestory: canon supporta i ragazzi di MaBasta

Redazione

Lidi Porto Cesareo: tra chi apre e chi attende, resta la paura del cambio colore

Redazione

Sanità, stretta sui fondi. A rischio 3mila assunzioni

Redazione