Eventi

La grazia e la cura: il borgo visto in “controluce”

FELLINE – Ci sono luoghi che già splendono di luce propria. Ci sono quelli di per sé scintillanti. E poi ci sono quelli che hanno una grazia così spontanea da poter essere visti meglio solo in “controluce”. È questa la parola chiave che anche quest’anno ha reso immensa Felline, tra i borghi più belli del Salento. Alla sua quinta edizione, l’evento, che si è tenuto il 6 agosto scorso, sta ancora facendo parlare di sé. E’ stato organizzato dagli assessorati alla Cultura e alle Attività produttive del Comune di Alliste, guidati dagli assessori Marilù Rega e Donato Scanderebech, con la collaborazione della Consulta Giovani, della Pro Loco e altri volontari e il coinvolgimento dei ristoranti del paese. Per l’occasione, il pasticcere Giovanni Venneri ha anche ideato lo spumone Controluce.

Il centro storico di Felline è stato attraversato con gli occhi dell’incanto: le atmosfere create dagli artisti di strada, gli allestimenti curati in ogni dettaglio, la musica live, le mostre e installazioni artistiche hanno impreziosito un luogo che parla già la lingua della bellezza.

In questa edizione, speciale e limitata in ottemperanza alle vigenti restrizioni anti Covid, non è mancato lo stupore, tra bolle di sapone e carillon umani, ombre e fuoco a intrecciarsi, soul e swing a confondere gli approcci, erbe spontanee a tramutarsi in cocktail del futuro e buon cibo a ricordare radici antiche.  Un sentire quasi “felliniano” tra i vicoli e le piazze per riscoprire quello stato di grazia che solo certi borghi sanno trasmettere.

Articoli correlati

Giugno in sala: tra geopolitica, killer per caso e tante emozioni

Davide Pagliaro

La festa dei Lampioni pronta ad “illuminare” Calimera

Antonio Greco

Pietro e Paolo, i santi “influencer” che uniscono la comunità galatinese

Redazione

Dal 15 al 25 luglio torna il festival “Teatro dei luoghi” con 18 diversi spettacoli

Barbara Magnani

Veglie, tre giorni di festa per S. Giovanni Battista

Redazione

Notte della Taranta, nuovo CDA: presidente Massimo Bray

Redazione