Attualità

La sua lotta al caporalato iniziò a Boncuri: a Yvan Sagnet cittadinanza onoraria leccese

LECCE – Tre anni fa dal Presidente della Repubblica Mattarella ha ricevuto l’onorificienza di Cavaliere del Lavoro. Da oggi Yvan Sagnet è anche cittadino onorario leccese: la cerimonia in mattinata a Palazzo Carafa, durante la seduta del consiglio comunale. In quel frangente la minoranza ha scelto di abbandonare l’aula.

Yvan, 35 anni, ha raggiunto dal Camerun l’Italia nel 2008 per motivi di lavoro. Nel 2013 si è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni presso il Politecnico di Torino. 9 anni fa la sua battaglia contro il caporalato e per i diritti dei braccianti inizia nelle campagne neretine: è il portavoce dello sciopero scoppiato a masseria Boncuri e durato un mese contro i caporali e gli imprenditori agricoli. Lo stesso che ha portato all’introduzione del reato di caporalato e al primo processo in Europa sulla riduzione in schiavitù, concluso con la condanna di dodici imprenditori e caporali.

Con grande emozione ha ringraziato gli amministratori presenti, rimarcando come la sua battaglia, di civiltà, continui.

Articoli correlati

La polemica sulle dosi “al volo”: la Asl concede meno di un’ora ai medici per ritirarle

Redazione

Movida – a Brindisi scappano via anche i volontari dai varchi della ZTL

Redazione

Taranto, smaltivano rifiuti fognari nei tombini stradali: 8 indagati

Redazione

Orti, spiagge e mercati: così a Frigole tornerà a vedersi il mare

Redazione

Concessioni balneari: cosa cambia? Dibattito a Controvento

Redazione

Villa comunale insicura, polizia locale e questura in campo

Redazione