Sport

Liguori: “Sogno un canale televisivo giallorosso…”

LECCE – “Mi sta mancando il Lecce, gli allenamenti, lo stadio, l’ attività quotidiana, perché noi siamo abituati gestire tutto in prima persona”. Esordisce così il vicepresidente del Lecce, Corrado Liguori, dialogando con Dario Sanghez, dell’Ufficio Stampa della sua società, nello spazio “Siamo sempre con voi, in diretta su Instagram con i tifosi.

Sulla ripresa del campionato ribadisce il concetto già espresso dalla società in ogni situazione:

C’è un protocollo al vaglio di tutti i responsabili sanitari di tutte le società e attraverso il loro supporto si possono creare degli accorgimenti, poi si presenterà ai ministri della salute e dello sport per proporre la ripresa del campionato. Come abbiamo già detto non abbiamo problemi a tornare in campo ma solo con la massima sicurezza per tutti. Però noto una accelerazione eccessiva in questa fase. Il numero dei contagi è ancora elevato, per me sarebbe meglio aspettare qualche settimana in più per mettere in sicurezza questa situazione. Il calcio è importante a livello nazionale anche per il PIL, ma noi siamo a disposizione solo nella massima sicurezza di tutti”.

Ovviamente tra le domande non poteva mancare quella su un ipotetico rimborso degli abbonamenti, visto che anche nel caso in cui si dovesse tornare in campo si farebbe a porte chiuse:

Dovremmo ragionare a livello globale per uscire con qualcosa di collettivo; per come siamo fatti noi però, in ogni caso, così come abbiamo creato gli omaggi ogni anno, sicuramente troveremo qualcosa per gli abbonati di questa stagione che possa compensare questa situazione, vedremo come. Il rapporto con la nostra gente è biunivoco, così come loro ci hanno manifestato massimo supporto e sensibilità, posso già dire che la stessa lealtà la dimostreremo noi; il nostro con i tifosi è un patto di sangue”.

Nonostante il momento buio insieme ai suoi soci pensa sempre al futuro, ai conti in ordine senza tralasciare nessun progetto o sogno, tutto però arriverà nel momento opportuno:

La cosa più importante era fuggire dalla C, sono state lacrime e sangue ma i nostri conti sono in ordine, ognuno di noi si è fatto trovare pronto a ripianare le perdite, adesso abbiamo la possibilità di mettere ulteriori tasselli. Una priorità assoluta è il centro sportivo, questa non è un critica verso nessuno, non è possibile che il Lecce non abbia un centro sportivo. Poi irrobustiremo il settore giovanile, M908 è nato per questo motivo. Il nostro progetto è solido e forte. Se ci questo ci consentirà di raggiungere un modello tipo Atalanta e ci dovesse portare sogni diversi dalla lotta alla salvezza ben venga… di sicuro Lecce non subirà mai fallimenti questo lo garantiamo”.

Infine su un probabile canale televisivo tutto giallorosso sorride rispolverando un suo sogno ma predica pazienza:

Piano piano aggiungeremo dei tasselli, ci sono priorità A e priorità B, il canale televisivo è un mio pallino. Nel momento giusto lo sottoporrò a tutti i soci, non è una cosa immediata ma ci sto pensando”.

In conclusione ha salutato tutti augurandosi che tutto passi presto per tornare alla normalità ma è certo che questo periodo abbia insegnato a tutti il vero significato di determinati valori, dei veri valori della vita, tra cui famiglia e libertà.

M.C.

Articoli correlati

Basket A2, Nicolai saluta HDL Nardò

Massimiliano Cassone

Lecce, allenatore e tre colpi in una settimana

Tonio De Giorgi

Brindisi Football Club come nel gioco dell’oca

Massimiliano Cassone

Superlega, grande attesa per la nuova Prisma Taranto

Massimiliano Cassone

Oggi inizia l’Europeo dell’Italia ma anche quello del Lecce

Massimiliano Cassone

Lecce, Morente lunedì sarà in città, martedì visite mediche

Massimiliano Cassone