Cronaca

Feto morto nell’armadio, 14 anni anche in Appello

SQUINZANO – La Corte d’assise conferma in appello la condanna a 14 anni e mezzo di reclusione per la sorella e il cognato della minorenne di Squinzano accusata di aver occultato in un armadio, in casa, il figlio appena partorito e nato già morto. La vicenda, lo ricordiamo, risale al febbraio di due anni fa.

I due sono accusati di infanticidio in condizioni di abbandono materiale e morale e occultamento di cadavere in concorso con la ragazza.

Entro i prossimi 90 giorni saranno depositate le motivazioni che hanno indotto i giudici a tale sentenza.

Articoli correlati

In casa con due chili di droga: arrestato

Redazione

Date alle fiamme due auto di una coppia di coniugi

Redazione

Arriva la Pet Tac, finalmente! Sarà attiva da marzo

Redazione

Stop alla sosta in Piazzetta Fanfulla, per ora auto e multe

Redazione

Usura, Operazione “Omnibus”: torna libero Ciccarone

Redazione

Una Mimosa d’Argento per Melissa

Redazione