Cronaca

Finanzieri speronati e uccisi a Castro, espulso lo scafista albanese

CASTRO- Appena uscito dal carcere di Orvieto, è stato espulso dall’Italia lo scafista albanese ritenuto responsabile, assieme ad un complice, dell’omicidio volontario di due finanzieri e di tre curdi, durante un’operazione contro l’immigrazione clandestina, a Castro.

È una tragedia che il Salento non dimentica quella del 24 luglio 2000, nelle acque antistanti la grotta Zinzulusa, dove ogni anno vengono commemorati i militari Salvatore De Rosa e Daniele Zoccola. L’uomo, di cittadinanza albanese, ha finito di scontare in anticipo la sua condanna nel penitenziario umbro: gli erano stati inflitti 26 anni di reclusione. All’uscita dal carcere, è stato portato all’ufficio immigrazione della questura di Terni, dove gli è stato notificato il provvedimento di espulsione. E’ stato quindi condotto al centro di permanenza e rimpatrio di Potenza, in attesa del primo volo utile per Tirana.
La notte del 24 luglio del 2000 la motovedetta impegnata nel Canale d’Otranto venne speronata dal gommone al quale gli scafisti albanesi (che avevano appena fatto sbarcare delle persone), per evitare la cattura, avevano bloccato i comandi prima di fuggire. A bordo c’erano quattro militari, che nell’urto vennero sbalzati in acqua. Due di loro riuscirono a salvarsi, ma Salvatore De Rosa e Daniele Zoccola no e nemmeno i tre curdi che non erano ancora sbarcati dal gommone. I due albanesi accusati di essere alla guida del gommone vennero arrestati alcune ore, sorpresi mentre a piedi percorrevano una strada a poca distanza dalla costa.

Articoli correlati

Recuperato e fatto brillare ordigno bellico ritrovato a Villanova di Ostuni

Redazione

“Ancora un migrante in bici in un mortale”, le associazioni tuonano contro psicosi e pregiudizi

Redazione

Tap, Ue: “No proroga inizio lavori, cantieri entro il 16 maggio 2016”

Redazione

‘Operazione Helios’, al via gli interrogatori degli arrestati

Redazione

Ico Tito Schipa, Negro: “la Regione può salvarla”. Pagliaro: “Si svegliano tardi”

Redazione

Nottata “calda” nel brindisino, cinque le auto avvolte dalle fiamme

Redazione