Cronaca

Case popolari: il Riesame conferma le misure interdittive per due dirigenti

LECCE- I giudici del Riesame hanno confermato la misura interdittiva dai pubblici uffici per due dei dirigenti coinvolti nell’inchiesta case popolari a Lecce. Si tratta dei dirigenti Paolo Rollo, difeso dall’avvocato Stefano De Francesco e di Piera Perulli, difesa dall’avvocato Viola Messa. L’udienza è stata discussa in mattinata e la decisione  è arrivata in serata. I giudici hanno rigettato l’appello dei legali contro la misura interdittiva disposta dal gip ad un anno. La difesa aveva puntato sull’insussistenza delle esigenze cautelari. Rollo e Perulli sono gli unici due destinatari delle misure interdittive disposte dal Gip Giovanni Gallo il 28 settembre scorso. Per gli altri 3 per i quali la Procura aveva chiesto la stessa misura nessun provvedimento: Giovanni Puce, dirigente pro tempore dell’Ufficio Casa del Comune di Lecce e dirigente del Settore Lavori Pubblici; Sergio De Salvatore, funzionario coordinatore dell’Ufficio Erp del Comune di Lecce e Luisa Fracasso, appartenente al Corpo di Polizia Municipale.

 

Articoli correlati

Molestie sessuali: nella trappola del viceprocuratore anche donne incinta e infermiere

Erica Fiore

Nei brogliacci dell’inchiesta “insulti omofobi nei miei confronti”: il giudice Errede denuncia gli inquirenti

Redazione

Presicce-Acquarica: gatto morto davanti allo studio del sindaco

Redazione

Notte di fuoco a Matino: incendiata una Fiat Bravo di un 47enne

Redazione

Violenza sessuale di gruppo, medico e viceprocuratore ai domiciliari

Redazione

Dai vigili del fuoco l’allarme al Prefetto: “mancano mezzi e personale”

Redazione