AmbienteAttualità

Miasmi a Poggiardo, Consiglio comunale con Emiliano e i sindaci

POGGIARDO- Si cercano soluzioni  veloci per limitare il problema dei cattivi odori che attanagliano Poggiardo e provengono dall’accumulo di rifiuti umidi nell’impianto di biostabilizzazione in cui conferiscono 46 Comuni dell’ex Ato Le2. Nel tardo pomeriggio, nel teatro Illiria di Poggiardo, si è tenuto un Consiglio comunale monotematico sul tema.Presenti il presidente della Regione Michele Emiliano, il presidente della Provincia Stefano Minerva, i sindaci e i presidenti degli ARO, il vice presidente Anci Puglia, il DG AGER, il DG ASL LE, il DG ARPA.

“Siamo qui perché abbiamo preso in seria considerazione il problema posto dal sindaco di Poggiardo, relativo ai cattivi odori che, soprattutto durante l’estate derivavano dall’accumulo di rifiuti umidi – ha detto Emiliano -. “Ovviamente stiamo trovando delle soluzioni che sollevino la popolazione da questa situazione e siamo qui, stasera, a dare conto della gratitudine che abbiamo verso tutti i sindaci della Puglia, a partire dal sindaco di Poggiardo, che devono sopportare gli impianti, che ahimè sono necessari. Sono tutti molto rapidi nel dire che un impianto non va bene, però gli impianti bisogna farli e bisogna gestire correttamente i rifiuti”
“Poggiardo – ha concluso Emiliano – è una di quelle comunità che ha sopportato per molti anni questo problema. Adesso se siamo riusciti ad alleggerire un po’ il carico, questo mi pare che sia il minimo che si potesse fare nei confronti di una comunità e di un sindaco che si sono sempre comportati molto bene”.

Articoli correlati

Mete estive, la Puglia cala a picco. Nel Salento -14% di fatturato

Redazione

Code e litigi negli uffici Asl di Brindisi. Intervenuti i carabinieri

Redazione

“Turni fino a 12 ore consecutive”, in carcere manca il 30 per cento dei poliziotti

Redazione

Appena due bagni per migliaia di turisti, il paradosso leccese

Redazione

Dams, il futuro del teatro e i nuovi attori: incontro con Eugenio Barba

Redazione

SS275, nuova manifestazione: “Vogliamo solo lavorare. Emiliano ci dia una risposta”

Redazione