AttualitàCronacaPolitica

Protesta Montecitorio: i deputati Capone, Vico e Mariano aggrediti da attivisti No Vax

ROMA- Usciti da Montecitorio attorno alle 12.30 per raggiungere una vettura tre deputati Pd Salvatore Capone, Ludovico Vico ed Elisa Mariano.”Stavamo entrando in macchina per recarci all’aeroporto, quando siamo stati circondati da persone che chiedevano cosa avessimo votato riguardo l’obbligo vaccinale”.- hanno raccontato loro stessi- quando ci siamo dovuti chiudere in auto. Hanno preso la macchina a calci e pugni, abbiamo avuto paura, con queste persone non può esserci confronto”.

“Alcuni manifestanti hanno chiesto ai miei due colleghi se fossero deputati e come avessero votato sul decreto vaccini. Vico e Capone hanno capito che erano male intenzionati e non hanno risposto – dice la Mariano – A quel punto i manifestanti hanno cominciato ad insultare gridando `assassini´ e ci hanno aggredito. Noi ci siamo rifugiati nella macchina, che però è stata circondata e presa a calci e pugni. Questo è durato diversi lunghi minuti finché finalmente è intervenuta la Digos, con degli agenti in borghese”. Solo l’intervento delle forze dell’ordine ha consentito di evitare il peggio. Contestato il via libera definitivo nell’Aula della Camera al decreto legge in materia di vaccini. Il testo è stato licenziato a Montecitorio con 296 voti a favore, 92 contrari e 15 astenuti. Contro il decreto si sono espressi M5S e Lega. Ad astenersi sono stati i deputati di Si e Fdi. La proclamazione del risultato del voto è stata salutata da un lungo applauso dai banchi del Pd.

Su Twitter il commento di Matteo Renzi: «Tre deputati assaliti da manifestanti NO-vaccini. Follia pura. Un abbraccio a Elisa, Ludovico e Salvatore. Noi non ci fermiamo».

Articoli correlati

Castellaneta: Vasco sarà cittadino onorario

Redazione

“Arte e medicina”, la comunicazione prima di tutto

Redazione

Nel Salento il seminario introduttivo alla Naturopatia

Redazione

Ilva non molla e va in Appello: “Ridateci l’acciaio”

Redazione

A fuoco 2 automezzi aziendali, è mistero a Melpignano

Redazione

Pena di morte per il killer? pioggia di critiche su Mellone

Redazione