Sport

Ecco mister Braglia: “Mi piacciono le sfide difficili”

LECCE (di M.Cassone) – Arriva puntuale Piero Braglia, nella Sala Stampa Sergio Vantaggiato, è accompagnato dal Direttore dell’area tecnica Stefano Trinchera che lo presenta così: “Conosco mister Braglia da diversi anni, è un allenatore esperto, lo stimo molto ed è qui con noi perché siamo convinti che potrà fare molto bene e potrà dare a questa piazza le soddisfazioni che merita. Abbiamo un organico importante, e non lo dico solo io ma è l’opinione di tanti, e mister Braglia potrà dare la svolta desiderata. L’esonero di Asta mi ha fatto soffrire ma la legge del calcio è questa”.

La parola poi passa al tecnico toscano che dice subito “pane al pane e vino al vino”: “Non posso fare cambiamenti e stravolgimenti a tre giorni della partita, non mi inventerò nulla. Ora posso soltanto parlare ai ragazzi. Ci vorrà del tempo per capire cosa è successo a questa squadra che ha un organico importante. In questa categoria però non basta essere bravi, bisogna abbinare altre qualità sapendo che contro il Lecce tutti fanno la gara della vita. I calciatori ora devono dare delle risposte prima a loro stessi e poi agli altri. Di questo gruppo conosco Suciu, Liviero, Diop e Benassi”.

Braglia TrincheraHa le idee chiare sul traguardo che intende raggiungere: “Certamente penso alla vetta, siamo solo alla sesta giornata e siamo in ritardo di sei punti; ci sono gli scontri diretti e poi basta iniziare a vincere due o tre partite e tutto cambia. Ci sono delle squadre raggruppate in un fazzoletto di punti, sta a noi tirare fuori gli artigli e dare continuità ai risultati”.

Poi spiega che adatterà il modulo alle caratteristiche dei calciatori anche se il suo modulo preferito è 3-4-3.

Prima di accettare di firmare per il Lecce è stato ad un passo dal Rimini ma appena ha ricevuto la chiamata della società giallorossa, ha fatto inversione di marcia ed è partito verso il sud: “Mi piacciono le sfide difficili, e poi mi sono sempre trovato bene al sud, non ho avuto dubbi, accetto questa sfida perché sono certo di poter fare bene”.

Sui tifosi è molto chiaro ed esplicito: “Io di solito sono uno che si attira le antipatie ma ai tifosi dico che questa squadra uscirà da tutti i campi con la maglia sudata. Basta però pensare al passato, ora siamo in serie C, e siamo una squadra di serie C; chi pensa al passato difficilmente avrà un futuro”.

Capitolo Abruzzese: “Mi farebbe piacere averlo a disposizione”. Trinchera a questo punto ha spiegato che Beppe Abruzzese è un calciatore del Lecce e quindi sarà a completa disposizione del tecnico.

Quando deve descriversi mister Braglia sorride e spiega che non gli interessa essere considerato simpatico oppure antipatico, lui è uno vero e pazienza se non piacerà a tutti: “Sono uno che si fa rispettare e se mi girano se ne accorgono tutti, non uso mezze misure. L’allenatore che ho più ammirato è Carlo Mazzone e se c’è un tecnico al quale mi avvicino come caratteristiche è proprio lui. Quando le persone non mi conoscono dicono che sono antipatico ma poi si ricredono e anche se non si ricredono non mi interessa”.

Mister Braglia chiude le porte e si rintana lontano da sguardi indiscreti: “Gli allenamenti in questo periodo saranno a porte chiuse, tranne il primo della settimana. Ora abbiamo bisogno di dirci delle cose e se dobbiamo fare delle scelte non è giusto che le sappiano tutti. In futuro vedremo”. 

Mauro Isetto sarà il suo “secondo”.

È iniziata così l’era di questo sergente di ferro dalla dura scorza ma dal cuore d’oro… proprio come il buon Carlo Mazzone.

Articoli correlati

Basket A2, Nicolai saluta HDL Nardò

Massimiliano Cassone

Lecce, allenatore e tre colpi in una settimana

Tonio De Giorgi

Brindisi Football Club come nel gioco dell’oca

Massimiliano Cassone

Superlega, grande attesa per la nuova Prisma Taranto

Massimiliano Cassone

Oggi inizia l’Europeo dell’Italia ma anche quello del Lecce

Massimiliano Cassone

Lecce, Morente lunedì sarà in città, martedì visite mediche

Massimiliano Cassone