Cronaca

La mamma di Trazza: “Lorenzo, torna a casa. Rosa, lascialo andare”

MURO LECCESE- La disperazione è quella di una madre che non sa che fine abbia fatto il figlio. La signora Maria Grazia è la mamma di Lorenzo Trazza, il giovane fidanzato della “Lady di ghiaccio” Rosa Della Corte, accusata dell’omicidio del suo precedente compagno, evasa dalla detenzione nel carcere di lecce durante un permesso premio. È scomparsa. E con lei anche Lorenzo. Domenica scorsa, 17 agosto, lui era andato a prendere la sua amata all’uscita della struttura di Borgo San Nicola. Avevano sei giorni tutti per loro e lei voleva utilizzarli per tornare a casa a Napoli, da sua madre che non sta bene.

Venerdì Lorenzo ha telefonato a sua madre, per dirle che il giorno dopo avrebbe pranzato da lei, a Muro Leccese, dopo aver riaccompagnato Rosa in carcere alle 10,00 del mattino. Quella è stata l’ultima volta che Maria Grazia ha sentito la voce del figlio.

Una relazione, quella tra Lorenzo e Rosa, nata circa due anni fa, proprio in carcere. Lui andava a trovare la sorella Antonietta; Rosa era la sua compagna di cella e, durante le visite, è scoccato l’amore. Rosa ha sul capo un’accusa pesantissima: omicidio. Il cadavere dell’ex fidanzato fu trovato nel bagagliaio dell’auto, ucciso a coltellate, ma lei si è sempre proclamata innocente. Anche se, paradossalmente, ora non è questo precedente che fa paura a mamma Maria Grazia.

“Lorenzo è un bravo ragazzo che si spende in tutto e per tutto per la sua fidanzata. Torna, Lorenzo -dice la madre- qualunque altra cosa, si aggiusterà”.

 

 

 

Articoli correlati

In preda ai fumi dell’alcol, botte e minacce alla moglie: arrestato

Erica Fiore

Mondo della giustizia in lutto: si è spenta la magistrata Stefania Mininni

Erica Fiore

Sparatoria a Brindisi, a Lido Risorgimento, due feriti

Andrea Contaldi

Salve, scontro sulla via per il mare. Tre feriti, due in codice rosso

Redazione

Taurisano, botte al fratello e alla madre. Arrestato 39enne

Redazione

Ingegnere sconosciuto al fisco: non dichiarati 280mila euro

Redazione