Cronaca

“Comportamento antisindacale nella Asl”, Mellone convocato dal giudice

LECCE- Dovrà difendersi dall’accusa di comportamento antisindacale il direttore generale della Asl di Lecce, Valdo Mellone. Lo dovrà fare il prossimo 1° luglio, di fronte al giudice del Lavoro Donatella De Giorgi, dopo il ricorso ex art. 28 dello Statuto del 1970, presentato dai sindacati confederali Fp- Cgil e Uil- Fpl.
Al centro c’è quello che viene definito un “singolare automatismo”, il fatto che nell’Asl siano confluite le posizioni organizzative delle preesistenti Asl Lecce 1 e Lecce 2, senza che fossero concertati con le organizzazioni sindacali i criteri e le modalità di valutazione delle posizione organizzative e di conferimento degli incarichi, “in totale disprezzo delle normativa contrattuale”.

Nonostante più volte sollecitata dalle organizzazioni sindacali, la Asl avrebbe violato, dunque, l’obbligo di informazione preventiva sugli atti concernenti la gestione complessiva degli uffici e delle risorse umane.

Poi c’è il capitolo mobilità interna: può essere disposta entro i 25 km e solo per comprovate ragioni tecniche o organizzative, dando prima comunicazione ai sindacati, ciò che via Miglietta avrebbe omesso di fare in almeno due casi: il primo con lo spostamento della coordinatrice dell’Ufficio formazione alla Direzione medica del Fazzi, il secondo con il trasferimento di un’infermiera, su sua istanza, dal Dipartimento di Riabilitazione di San Cesario al servizio Adi del Distretto Sociosanitario di Lecce.

Ancora, ad essere violato sarebbe stato anche il regolamento per la mobilità interna, visto che non sarebbe stato predisposto alcun avviso , come previsto dal contratto collettivo. È per questo che per i sindacati è illegittimo anche il trasferimento di un coordinatore infermieristico dall’Urologia di Copertino all’Ematologia del Fazzi.

Un pacchetto di accuse, dunque, da dover provare martedì in Tribunale, ma che la dicono lunga anche sui rapporti e le frizioni tra sindacati e Asl .

Articoli correlati

Una condanna a 4 mesi e 4 assoluzioni per la morte di Gregorio Durante. “Sentenza vergognosa”

Redazione

118 in trincea: 450 interventi in 24 ore

Redazione

Ladri in officina e fuga in Bmw

Redazione

Operazione “Speed drug” , parola ai difensori

Redazione

Colpi a raffica: nel mirino bar e tabaccheria

Redazione

Droga, rapine e Scu: 15 arresti nell’operazione Remetior 2

Redazione