Cronaca

Ferite lievi dopo l’incidente, giovane muore in ospedale

LECCE  –  Al momento del ricovero, i medici del ‘Fazzi’ di Lecce, si erano espressi con una prognosi di 10 giorni. Le ferite rimediate in un incidente stradale non sembravano gravi. Sandro Mocavero, 25 anni, originario di Cellino S.Marco, aveva riportato solo un trauma toracico. Nulla che facesse presagire il peggio.

Ma il quadro clinico si è complicato nel volgere di poche ore, tanto che il ragazzo è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico che, purtroppo, non è servito a salvargli la vita.

Tragico ed impensabile epilogo di un un incidente stradale avvenuto due giorni fa lungo la provinciale 104, quella che collega Guagnano con Cellino S.Marco.

Per cause ancora in fase di accertamento, l’auto su cui viaggiava il ragazzo, una Citroen C1, si è scontrata con una Rav 4 condotta da una 34enne di Guagnano. E’ stato uno scontro frontale. La Citroen si è ribaltata ma, nonostante l’auto ridotta ad un ammasso di lamiere contorte, il 25enne che era alla guida, al momento dei soccorsi, era lucido e cosciente.

Sul posto, per i rilievi del caso, sono intervenuti i Carabinieri.

Trasportato al pronto soccorso del ‘Fazzi’, Mocavero è stato giudicato guaribile in una decina di giorni. Purtroppo le sue condizioni si sono aggravate, tanto che i medici hanno deciso di intervenire. Inutile ogni sforzo profuso per salvargli la vita. Il suo cuore ha cessato di battere poche ore dopo l’intervento.

Intanto, il magistrato di turno, Francesca Miglietta, ha disposto il sequestro delle cartelle cliniche in attesa dei risultati dell‘autopsia che sarà eseguita nelle prossime ore.

Articoli correlati

Edilizia in affanno, Ance Lecce: dati allarmanti. Ma uscire dalla crisi si può

Redazione

Torre dell’Orso crolla ancora: precipitano due pezzi di falesia

Redazione

La moglie di Vantaggiato sceglie il silenzio

Redazione

Picchia selvaggiamente i genitori: arrestato

Redazione

Scontri post Lecce-Carpi, 14 anni in abbreviato per 9 tifosi

Redazione

Vernaleone: si vergognino coloro che da 10 anni parlano di sanità

Redazione