Cronaca

Resta in carcere l’imprenditore: “Le armi trovate vicino l’azienda”

LECCE  – Resta in carcere Alessandro Pellè, l’imprenditore 32enne di San Cesario accusato di detenzione illegittima di arma da fuoco. Lo ha disposto il GIP Annalisa De Benedictis al termine dell’interrogatorio di convalida che si è svolto in mattinata, in presenza del difensore, l’Avvocato Francesco Vergine.

L’uomo ha dichiarato di aver trovato per caso il borsone con le armi, il passamontagna e le munizioni, rinvenuto dai Carabinieri di San Pietro in  Lama nella sua auto, per caso vicino all’azienda.

“Spaventato – ha detto- stavo tornando a casa quando mi hanno fermato i Carabinieri”.

Articoli correlati

Tutti al mare…con Hannibal

Redazione

Francavilla, a fuoco la villetta in affitto: è dolo

Redazione

Sanitaservice, dipendenti e sindacati: “Emiliano faccia una scelta politica”

Redazione

Tragedia nelle acque di Porto Cesareo, uomo muore mentre fa il bagno

Redazione

“Qualità del capitale umano”, mondo accademico e imprenditori a confronto

Redazione

Renzi sposa la campagna Tap: “A Ibiza turismo non è crollato”

Redazione