Sport

HDL Nardò, 10 gare per scrivere la storia

Tommaso Greco presidente HDL Nardò

LECCE – HDL Nardò chiama a raccolta i suoi tifosi. Possiamo ben dire che inizia un campionato nuovo e bisognerà gettare il cuore oltre l’ostacolo tutti insieme, squadra, società e tifosi.

Purtroppo il progetto iniziale è stato rivoluzionato per una serie di fattori che hanno capovolto quella che sembrava una stagione più che positiva in cui i tifosi sognavano ben altra classifica. Dopo le prime quattro sconfitte iniziali con le squadra top del torneo sono arrivate sette vittorie consecutive e la squadra allenata all’epoca da Di Carlo stazionava sulla casella, insperata, del sesto posto. Poi d’un tratto il Toro è entrato in un tunnel di crisi senza uscita, ha cambiato tecnico nelle ultime due giornate, è arrivato Dalmonte ma la squadra ha continuato a perdere.

Adesso però c’è da giocare la fase a orologio, si parte domenica alle 18, in casa, a Lecce, al Pala san Giuseppe con il Latina e la società apre la porta ai tifosi che non si sono abbonati a inizio campionato mettendo a disposizione dei mini abbonamenti utili per le gare casalinghe di questa nuova fase

Dopo Latina in casa, Nardò anticiperà la seconda giornata giovedì 15 febbraio a Milano contro Wegreenit Urania Milano, mentre la terza è in programma domenica 25 febbraio, alle 18 a Lecce contro Acqua San Bernardo Cantù. Domenica 3 marzo il Toro andrà a Rieti, alle ore 18 per sfidare Real Sebastiani Rieti. La quinta giornata è in programma sabato 9 marzo a Lecce alle 20:30 contro Novipiù Casale Monferrato. La sesta sabato 23 marzo in trasferta a Treviglio alle ore 20:30 contro Gruppo Mascio Treviglio. La settima di nuovo in casa sabato 30 marzo alle 20:30 contro Sport Invest Trapani. Sarà di sabato, 6 aprile, anche l’ottava giornata, la trasferta in casa di Ferraroni Cremona alle 20:30. Le ultime due giornate sono una a Lecce domenica 14 aprile alle ore 18 contro Moncada Agrigento e l’altra a Roma il 21 aprile alle 18.

Dieci gare da vivere con orgoglio e forza per evitare l’incubo retrocessione e per sognare, chissà, i playoff, ma sarà d’obbligo mantenere la categoria. Nardò, la società neretina, e i suoi tifosi meritano la serie A2 del basket nazionale.

Articoli correlati

Gallipoli, esame di maturità con la capolista Andria

Redazione

Basket, Brindisi batte Scafati nell’ultima amichevole precampionato

Redazione

Enel, oggi il giorno di Delroy James

Redazione

Papini: “C’è bisogno di una mentalità vincente anche fuori casa”

Redazione

TFN, ecco la sentenza: Palermo all’ultimo posto e retrocesso in C

Redazione

Il Lecce ricarica le batterie, il vicepresidente Adamo: “Giusto fermarsi, servono regole e protocolli uguali per tutti”

Redazione