Sport

Lecce, il valore aggiunto dei “vice”

LECCE – Va bene, chiamatele pure “alternative”, ma non sono certamente meno importanti di chi va in campo dal primo minuto.  D’Aversa da loro pretende di più. E contro la Fiorentina le attese sono state soddisfatte. Nel secondo tempo contro la Fiorentina l’allenatore giallorosso ha mandato in campo Dorgu, Gonzalez, Piccoliz Sansone. Ognuno ha lasciato la propria impronta nel successo in rimonta del Lecce sulla Fiorentina.  Non sempre va così, ma a volte succede. Che va tutto alla perfezione. La vittoria contro la Fiorentina resterà a lungo nella memoria dei tifosi giallorossi che ripenseranno a lungo  alla partita pazzesca contro i viola vinta al fotofinish con un gol di Patrick Dorgu.

Il nazionale della Danimarca Under 21 ha segnato il primo gol in maglia giallorossa. È stata la prima rete anche in Serie A per il classe 2004 sul quale pare hanno messo gli occhi diversi club di primissimo livello.

Lui, intanto, festeggiatissimo sotto la Curva Nord, si gode il momento e sul suo profilo Instagram ha scritto: “Che modo di segnare il mio primo gol”. Già, che modo! Che fredezza nel calciare l’ultimo pallone della partita che è valso il successo per la squadra di Roberto D’Aversa

Una vittoria preziosissima per la squadra salentina reduce da tre sconfitte consecutive. Nel girone di ritorno non aveva ancora fatto un punto e non vinceva da 48 giorni.

Una serata magica che difficilmente sarà dimenticata. Una prova di forza che dà slancio alla squadra leccese in un campionato che sarà avvincente fino all’ultima giornata.

Contro la Fiorentina si è rivisto un Lecce con la voglia di lottare e combattere fino all’ultimo secondo, all’ultima goccia di sudore.

In campo si è visto un calciatore, Blin, che ha stretto al braccio la fascia di capitano e ha ripagato la fiducia di D’Aversa, il quale lo aveva mandato in campo al posto di Ramadani squalifica. Anche il francese sul proprio profilo Instagram ha voluto incorniciare la prestazione sua e dei compagni con tre parole: “Passione, pazienza, resilienza”.

Ora D’Aversa è atteso da una settimana in cui dovrà rimodulare la propria formazione. Perché rientra Ramadani, dopo la squalifica, ma deve rinunciare a Gendrey che sarà squalificato.

Articoli correlati

Brindisi, vincere con la Scafatese e pensare al mercato

Redazione

Lecce, la situazione dei prestiti al 30 giugno

Redazione

Serie D Girone H, ultima giornata del girone di andata

Redazione

Lecce-Inter alle 21.00 su TeleRama

Redazione

SUPERLEGA, Prisma Taranto perde a Milano ma festeggia la salvezza

Redazione

Ultime ore di mercato: dopo Dermaku potrebbero arrivarne altri per Corini

Redazione