Cronaca

Morì dopo il vaccino anticovid, chiesta archiviazione per 7 medici

SALENTO – Il decesso nulla a a che fare con la somministrazione del vaccino anticovid. Queste le conclusioni a cui è giunta la Procura di Lecce che ha chiesto l’archiviazione per sette medici in servizio negli ospedali di Gallipoli e Galatina.

L’inchiesta era stata avviata dopo la morte di Claudio Di Paolo, un web designer di di Galatone di 54 anni, morto esattamente un anno fa per un arresto cardiocircolatorio. Sposato e padre di due figli, Di Paolo non aveva alcun problema di salute. Sta di fatto che a pochi giorni dal vaccino era stato colto da preoccupanti dolori che ne avevano determinato il ricovero i ospedale e poi le dimissioni. Di lì a poco, però, avvenne il decesso sul quale i famigliari hanno chiesto di fare piena luce per accertare eventuali responsabilità.
Dopo quanto è emerso dalle perizie del medico legale Alberto Tortorella e del cardiologo Giuseppe De Giorgi, la Procura ha chiesto l’archiviazione del caso in quanto non ci sarebbe alcuna correlazione tra la morte e la somministrazione del vaccino anti-covid inoltre, sempre per i consulenti della Procura “la condotta di tutti gli indagati è stata corretta dal momento che il loro intervento è risultato conforme agli standard”.
Gli avvocati della famiglia del web designer Massimo Aprile e Francesco Protopapa intendono opporsi alla richiesta di di archiviazione che sarà esaminata nei prossimi giorni.

 

Articoli correlati

Al via Externa, in mostra le ultime novità sull’arredamento per esterni

Redazione

Crispiano, in fiamme auto di consigliere regionale

Redazione

Banditi scatenati, tre rapine in poche ore tra Copertino, Surbo e Trepuzzi

Redazione

Scaricano rifiuti speciali in campagna, il cassone si ribalta e incendiano l’autocarro: caccia ai responsabili

Redazione

A pesca di frodo, sequestro e multa da mille euro

Redazione

Cade mentre monta un’antenna: operaio in ospedale

Redazione