AttualitàEventi

Vigilia Immacolata, la tradizione è servita: ecco la puccia

LECCE- Sembra uno dei giorni più attesi dell’anno qui a Lecce e non solo, semplicemente perchè si tratta di una vigilia dell’Immacolata ricca di gusto. La tradizione leccese  prevede infatti un pranzo a base di Puccia: piccola o grande, di dimensione diverse, e possibilmente con le olive.

Si tratta della protagonista indiscussa del pranzo del 7 dicembre, giorno in cui in tutto il Salento si rispetta un “semi digiuno”:   a pranzo si mangia la puccia, da condire con tonno, capperi, alici o formaggio. La sera invece pittule,  rape ‘nfucate e  baccalà con  patate. Regola fondamentale: non mangiare  carne.

Ma perchè tutto questo? Ebbene secondo la tradizione religiosa, i maggiori ingredienti della puccia fanno riferimento direttamente al Vangelo, mentre la tradizione narra di una leggenda sacra, che si è tramandata da generazione in generazione. La sacralità del racconto nasce dalla fuga di Giuseppe e Maria dai soldati di Erode che volevano prendere il piccolo Gesù per ucciderlo. Fu proprio un ulivo secolare che sentendo la disperata richiesta di Giuseppe di nascondere la sua famiglia   mise in salvo al suo interno Maria e il piccolo Gesù. E’ questo il motivo che ha reso quasi mistico il significato delle olive che alla vigilia dell’Immacolata insieme al pane accompagnano il digiuno dei salentini.

Articoli correlati

Tra sacrifici e amore, inaugurato il nuovo Oratorio Giovanni Paolo II

Redazione

Dipendenti comunali Taranto senza premio produttività: parte class action

Redazione

Brindisi, in Arsenale altri posti di lavoro a rischio

Mimmo Consales

Un’auto galleggiante nel porto, il video fa il giro del web

Redazione

Il carnevale si fa green: corteo “Ecologico” a Campi Salentina

Redazione

Marocchino sepolto nel fusto, il pm chiede l’ergastolo per Barba

Redazione