CronacaEvidenza

Il papà di Amina: “Mia figlia sta male, non so quanto ancora reggerà”

LECCE- Passano i giorni, anzi i mesi, e Amina sta ancora più male. A dirlo è proprio il suo papà che è seriamente preoccupato per la sua salute e teme che non riuscirà a reggere per molto tutta questa pressione. La ragazza è trattenuta in carcere in Kazakistan da giugno e nonostante ci siano prove schiaccianti che la rendono estranea dall’accusa di traffico internazionale di droga, la situazione non cambia. Amina è ancora lì e non sta bene. L’Italia si sta mobilitando ma questo sembra non bastare.

Amina ha solo 18 anni e vorrebbe ritornare a casa e magari tornare a passeggiare a Lecce. Questo incubo la sta distruggendo e oggi l’unica speranza è riposta in quel 9 novembre, giorno in cui dovrebbe scadere la detenzione.

 

Oggi abbiamo intervistato il suo papà:

 

 

 

Articoli correlati

Incastrati dall’ultimo furto a scuola: due ragazzini denunciati dai carabinieri

Redazione

Covid: positiva una bimba della scuola dell’Infanzia di Lequile

Redazione

Alberobello, prende a calci gattino facendolo morire annegato

Redazione

Adesca minorenne sul web: arriva condanna per 65enne

Redazione

Topo d’auto bellunese preso con le mani nel sacco

Redazione

Giro di vite sui centri scommesse: a Maglie anche minorenni all’interno

Redazione