Politica

Decaro: “Il mio futuro? Preferirei restare in Puglia”

BARI – Il mio futuro? Preferirei restare quì. Antonio Decaro, conclude la tre giorni della Festa dell’Unità del Partito democratico pugliese, a Torre Suda, tracciando con chiarezza e senza equivoci la strada che vorrebbe intraprendere.

Resterei legato al mio territorio – ha detto – perché la mia terra, la mia città, la mia regione, sono le cose a cui sono più legato, però se c’è questa idea di poter candidare in Europa i sindaci.. io sono a disposizione del partito”. Le elezioni regionali, come prima opzione. Le Europee solo come attesa o seconda opzione. Perché da qui, smessi i panni del sindaco più amato d’Italia, non vuole andarsene.

Il punto, però, è trovare la quadra con Michele Emiliano. Perché anche il governatore vorrebbe continuare ad occupare il suo ufficio nel palazzo presidenziale del Lungomare di Bari e capire come incastrare le cose non è, e non sarà, affatto facile. Ma tra i due – ha anche aggiunto Decaro – non c’è acredine. “Abbiamo litigato solo due volte da quando ci conosciamo – ha detto – nonostante si ostinino a dire che litighiamo continuamente”. Le ipotesi circolate sino ad ora non hanno portato a nulla di concreto. Né la candidatura di Emiliano alle Europee per lasciare la presidenza a Decaro – il governatore in Consiglio regionale lo dichiarò con chiarezza: non mi dimetterò prima della fine naturale della legislatura – e né la proposta di un ticket Emiliano presidente, Decaro vice.

Un anno di tempo per capire chi, dei due, resterà in Puglia e chi si imbarcherà sul volo per Bruxelles.

Intanto, però, il governatore si concentra sulle alleanze, rimarcando i perimetri della sua maggioranza, con il Movimento 5 Stelle e il ruolo determinante – ha detto – delle liste civiche. “Il fronte progressista pugliese è molto unito e compatto. Abbiamo presentato alla Festa le nostre alleanze – ha commentato il presidente della Regione – mi riferisco al rapporto con il Movimento 5 Stelle e alla molto probabile partecipazione di Giuseppe Conte alla Festa nazionale che confermerà questa impostazione. Il Pd, finalmente, ha rivendicato il ruolo di perno di questa grande alleanza. Io – ha concluso Emiliano – mi auguro che, in questo modo, il Pd, il Movimento 5 Stelle, le liste civiche possano costituire quella spina dorsale per proseguire il cammino dei prossimi anni”.

 

Articoli correlati

Lecce, Andrea Pasquino nuovo capogruppo di Fratelli d’Italia

Redazione

Prima riunione della giunta Poli Bortone

Sergio Costa

Salve, per la prima volta arriva il piano urbanistico generale

Redazione

Brindisi – in attesa di FDI una Giunta a sette…

Mimmo Consales

La lista civica di Siculella si trasforma in “Mind – Menti Indipendenti”

Redazione

L’assessore Raffaella Persano aderisce al MRS: nominata coordinatrice cittadina di Castro

Redazione