Attualità

Baratro OSS scuola: a rischio bambini e lavoratori. Domani sciopero e protesta in Prefettura

LECCE – L’11 febbraio i sindacati chiesero a tutti gli enti interessati un incontro urgente. Ad oggi non è arrivata alcuna risposta e quindi viene proclamato ufficialmente lo sciopero con presiduio ai piedi della Prefettura di Lecce per giovedì 13 aprile. La situazione, gravissima, è quella del personale OSS dipendente di Cooperative Sociali nel servizio Integrazione Scolastica. Sono gli Operatori Socio Sanitari che operano nelle scuole della provincia di Lecce e in carico alle Cooperative Sociali vincitrici degli appalti dell’integrazione scolastica per diversamente abili (art 92 regolamento Regionale 4/07). La prospettiva, per loro, e quindi per i bambini e i ragazzi che hanno bisogno di assistenza a scuola, è preoccupante e imminente: si paventa infatti la chiusura dei contratti di lavoro con la fine dell’anno scolastico in corso e sono in programma nuovi Bandi di gara per l’assegnazione della gestione delle attività da parte degli Ambiti Sociali; bandi dai quali gli oss sarebbero esclusi.

E, essendo già a metà aprile, ci siamo quasi. FP.CGIL, CISL FP e UIL FPL scrivono quindi a Prefetto di Lecce, assessori regionali a Sanità, Welfare, Formazione, ai Responsabili di Ambito della Provincia, al Presidente della Provincia, ai Responsabili Cooperative Sociali, confidando in una urgente convocazione da parte del Prefetto “Al fine di scongiurare -scrivono- le conseguenze sia sulla situazione lavorativa che sul servizio, fondamentale per una fascia di utenza estremamente fragile”.

Articoli correlati

La nuova sfida nel Salento è firmata Toyota

Redazione

Nuova darsena a Porto Cesareo, alt del Consiglio Stato

Redazione

Presidenza Accademia Belle Arti, nuova valutazione dei candidati. Puzzovio era e resta incluso

Redazione

No ai negozi aperti per le feste, i sindacati fanno fronte comune

Redazione

Maci: brindiamo con un vino rosso contro la malvagità del covid

Redazione

Raccolta rifiuti, Sindaco e dirigente indagati per l’affidamento diretto a gial plast

Redazione