Attualità

Omicidio a Milano: arrestato a Lecce imprenditore salentino

LECCE –  L’ordinanza di custodia cautelare gli è stata notificata su un letto dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce, dov’è ricoverato per la frattura alla calotta cranica che si è procurato con un colpo di pistola alla testa. Probabilmente un tentativo di suicidio. Si chiama Oronzo Pede, 73enne imprenditore salentino, l’uomo arrestato con l’accusa di essere l’autore dell’omicidio di Ruiming Wang, 35enne di origine cinese ammazzato il 19 dicembre scorso a Milano.
Il delitto è diventato noto alle cronache come “l’omicidio del Corvetto”, il quartiere multiculturale milanese in cui si trova il bar in piazza Angilberto II in cui si è consumato. Quella mattina, un individuo entrò nel bar gestito dal giovane cinese e, dopo aver scambiato quattro chiacchiere con il titolare, estrasse una pistola e gli sparò contro sei colpi.
Il killer aveva il volto coperto da mascherina, sciarpa e cappello.
Ora la svolta nelle indagini, con l’arresto del presunto responsabile: l’imprenditore di origine salentina che da anni viveva da tempo e aveva affari nel Milanese.
Il movente potrebbe essere legato al denaro, forse a un debito contratto da Pede con la vittima.
L’imprenditore, fino al 2018, aveva un’attività con sede non lontano dal bar di Wang.
Sono state le immagini delle telecamere di videosorveglianza a far individuare il presunto assassino agli inquirenti. Fondamentale il numero di targa della Fiat Punto con cui l’uomo arrivò sul luogo del delitto circa 20 minuti prima di sparare.

Articoli correlati

È morto l’avvocato Francesco Ciardo, già segretario generale della Camera di Commercio di Lecce.

Redazione

Dillo a Telerama: a Torre Rinalda spiaggia sporca e non accessibile ai disabili

Redazione

Festeggiamenti per i 50 anni di professione religiosa di Suor Giulia

Mario Vecchio

Apre a Roma la nuova sede dell’Accademia Artisti Studios

Mario Vecchio

Fermo pesca ricci, ripopolamento rilevante. Ora i ristori per i pescatori 

Redazione

Isabella e Alessandro Vespa (figlio di Bruno Vespa) hanno pronunciato il fatidico “sì” nella cattedrale di Oria

Redazione