AttualitàCronaca

L’allarme del Procuratore generale Maruccia: cresce la criminalità minorile

LECCE – “Si pone, nel nostro territorio, una vera e propria questione minorile (…) Il rapporto tra devianza minorile e criminalità organizzata rischia di assumere carattere strutturale sicché A TUTTE le Istituzioni è richiesta una maggiore capacità di ascolto e di intervento“. È un passaggio che non può non colpire, quello su cui il procuratore generale Antonio Maruccia ha scelto di porre l’accento nella lunga relazione stilata in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario.

Focus, come sempre, sui reati che nel 2022 hanno destato maggiore preoccupazione.

Su devianza e criminalità minorile crescenti, partendo dai numeri, il procuratore è netto: la preoccupazione è alta, serve lo sforzo di tutti.

“Quanto al contrasto della criminalità, le indagini condotte dalla DDA confermano l’egemonia, nelle tre province salentine, di organizzazioni mafiose eredi della Sacra Corona Unita e dei clan storici del Tarantino – spiega ancora – il traffico di droga resta il loro core business, reinvestito in corruzione”.

A Taranto poi – aggiunge il procuratore – ai delitti di criminalità organizzata si aggiunge il peso del danno ambientale che ha determinato l’aumento di malattie legate all’inquinamento e in particolare di tumori sistemici e polmonari”.

Ed è proprio alle vicende del capoluogo ionico che Maruccia affida la chiusura, che si fa monito, del suo intervento.

Nell’anno trascorso – ricorda – è giunto a sentenza il dibattimento per i fatti dell’ex ILVA, con una città e un territorio che hanno pagato un prezzo altissimo in termini di vita, di salute, di felicità mancata.
Ecco, in quel processo c’è la storia di una magistratura, che si riconosce nella vicenda umana e professionale dell’amatissimo procuratore Franco Sebastio, recentemente scomparso. Franco è stato interprete di un ruolo di autonomia e indipendenza, perfettamente aderente al modello di magistrato voluto dalla Costituzione. In quella magistratura noi vogliamo identificarci. Quella magistratura indichiamo come esempio ai giovani e alla comunità”.

Erica Fiore

Articoli correlati

È morto l’avvocato Francesco Ciardo, già segretario generale della Camera di Commercio di Lecce.

Redazione

Scontro sulla via per il mare: perde la vita una donna di 52 anni

Paolo Franza

Dillo a Telerama: a Torre Rinalda spiaggia sporca e non accessibile ai disabili

Redazione

Festeggiamenti per i 50 anni di professione religiosa di Suor Giulia

Mario Vecchio

Apre a Roma la nuova sede dell’Accademia Artisti Studios

Mario Vecchio

In preda ai fumi dell’alcol, botte e minacce alla moglie: arrestato

Erica Fiore