Sport

Lecce, i “nuovi” potrebbero far cambiare idee a Baroni

LECCE – (t.d.g.) La prossima settimana potrebbe essere annunciato il primo colpo del Lecce. Sia Corvino che Trinchera sono già al lavoro per allestire la rosa 2022-2023 che si misurerà in Serie A. La geografia del massimo campionato di calcio attende di conoscere l’ultima squadra partecipante, una fra Pisa e Monza. I confini al Sud sono definiti: Lecce rappresenta quello più meridionale. Napoli e Salerno, in Campania, le altre rappresentanti da Roma in giù.

NO CRAGNO – Corvino sta individuando un portiere. Che non sarà il cagliaritano Cragno. Fuori dalla portata del club giallorosso. Pista non praticabile neppure per un prestito. Corvino e Trinchera valuteranno solo prestiti sostenibili. Non si può escludere l’arrivo di un numero uno straniero per difendere la porta del Lecce. Ma, oltre a Bleve, ne servirà, ancora un altro.

MODULI – Come ormai noto la rosa del Lecce avrà bisogno di almeno nove nuovi giocatori. E il casting che Corvino e Trinchera hanno avviato riguarderà pure un modulo alternativo al 4-3-3. Che potrebbe essere un 4-2-3-1. Ma il mercato potrebbe suggerire altre soluzioni. Per Corvino “è importante che la soluzione tattica contempli l’occupazione di ogni zona del campo”.

Ogni ruolo avrà due interpreti. E attualmente, anche quello di laterale difensivo sinistro vede in Gallo l’unico attore poiché l’esperienza di Barreca in giallorosso è destinata a concludersi.

A centrocampo molto dipenderà dalla permanenza di Hjulmand. Ma un’eventuale cessione di Hjulmand permetterebbe a Corivno e Trinchera di reinvestire i ricavi sul mercato. Un ruolo, quello di Hjulmand che tuttavia non sarebbe del tutto scoperto. Infatti potrebbe giocare il francese Blin che a breve diventerà papà. Il giocatore transalpino nel campionato appena concluso si è adattato come mezzala, ma le sue caratteristiche si sposano bene per coprire la parte centrale della mediana giallorossa. Il francese, ad ogni modo, non basta e gli innesti riguarderanno anche gli altri ruoli di centrocampo.

ATTACCO – Dopo due anni Corvino è pronto a fare di nuovo un grande colpo in attacco. Coda non basta. E sul due volte capocannoniere di Serie B sono in agguato diverse società del campionato cadetto.

ABBONAMENTI – Nei primi giorni di giugno dovrebbe partire pure la campagna abbonamenti. Dopo due anni il club giallorosso permetterà ai propri tifosi di abbonarsi e assicurarsi un posto per tutta la stagione. C’è grande attesa nella tifoseria e c’è grande fiducia nella dirigenza la stessa che ha tirato fuori il Lecce dalle sabbie mobili della Serie C. Che l’ha riportata in Serie A. E dopo la retrocessione ha dimostrato con i fatti dove vuole stare. Con un progetto sano e lungimirante. E con gli uomini giusti.

Articoli correlati

Lecce, copertura stadio: la settimana prossima sarà presentato il secondo business plan

Redazione

Giochi del Mediterraneo: la prossima settimana in esame il secondo business plan

Redazione

Gotti, sindaco mancato: ha convinto il Lecce e i leccesi

Tonio De Giorgi

Taranto, Capuano – Giove: passi avanti per la continuità

Francesco Friuli

Volley/B, Green Volley tra conferme e nuovi arrivi

Massimiliano Cassone

Virtus Francavilla, dopo il diesse, spazio al mister e al bomber

Massimiliano Cassone