Attualità

A Brindisi la sala Università di Palazzo Nervegna intitolata a Gino Strada

BRINDISI – Avrà avuto anche un carattere spigoloso, ma Gino Strada è stato uno dei personaggi italiani più importanti nel campo della cooperazione. E lo ha fatto attraverso l’organizzazione umanitaria Emergency, fondata nel 1994. E’ proprio attraverso questo strumento che Strada ha offerto cure gratuite in tutto il mondo alle vittime di guerre, delle mine antiuomo e delle povertà. Un aiuto che Emergency ha prestato anche nelle fasi più difficili della pandemia da covid 19, quando in molte regioni non si sapeva come fare per garantire un minimo di assistenza ai contagiati.

Ebbene, l’Amministrazione Comunale, su proposta del presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Cellie, a Gino Strada ha intitolato la sala università di Palazzo Nervegna. Lo stesso spazio che dallo scorso anno accoglie il nuovo corso magistrale in cooperazione internazionale dell’Università del Salento

Nell’occasione è stato presentato anche l’ultimo libro di Strada, “Una persona alla volta”, in cui è descritta tutta la sua lunghissima esperienza di vita a sostegno dei deboli e bisognosi di aiuto.

Strada non è più tra noi dallo scorso 13 agosto.

Mimmo Consales

Articoli correlati

Isabella e Alessandro Vespa (figlio di Bruno Vespa) hanno pronunciato il fatidico “sì” nella cattedrale di Oria

Redazione

Ballottaggio, incontro “segreto” con vertici Asl e dirigenti medici

Sergio Costa

Centrodestra: “Emiliano chiama alle armi i primari della Asl pro Salvemini”

Sergio Costa

A Brindisi premiati gli studenti con il premio “Honestas”

Andrea Contaldi

Incentivi e opportunità per le imprese, continuano i convegni informativi di Federaziende

Barbara Magnani

Arpal e Progetto Policoro a sostegno delle fasce più deboli

Andrea Contaldi