AttualitàEconomia

Off-Shore Otranto Castro: le perplessità di Legambiente e Mare Amico

SALENTO – Legambiente non cela la fortissima perplessità sulla proposta dell’impianto eolico off-shore presentato tra Otranto e Castro,  soprattutto in riferimento all’impatto ambientale territorile che il progetto da 90 pale alte 250 metri da installare a partire da 10 chilometri della costa  potrebbe avere per la ravvicinata distanza.  La richiesta, da parte del Presidente Regionale dell’associazione ambientalista Ruggero Ronzulli è quella della realizzazione di uno studio di fattibilità più approfondito che consenta di verificare l’impatto ambientale. La problematica è sempre la stessa:” non è possibile calare dall’alto certi progetti che, invece, devono essere condivisi con i territori”.

Energia rinnovabile sì, per il professor Leonardo Damiani, Vice Rettore del Politecnico di Bari e Presidente del Comitato scientifico” Mare Amico”, associazione ecologico scientifica riconosciuta a livello nazionale con sede operativa a Lizzanello. “E’ necessario mediare tra le diverse esigenze: energia pulita e paesaggio. Ascoltare la cittadinanza non è certamente un aspetto trascurabile”.

Una mozione è stata proposta dal Movimento Regione Salento e sarà depositata dai propri consiglieri in tutte le assise in cui sono presenti. Mozione fatta propria dal presidente della Provincia di Lecce, Stafano Minerva, che la invierà a tutti i sindaci. L’impegno richiesto ai presidenti dei Consigli è quello di discutere dell’argomento nella prima seduta utile.
La questione approderà anche in Consiglio Regionale grazie all’interrogazione già presentata dal Consigliere Paolo Pagliaro, capogruppo La Puglia Domani e Presidente del Movimento Regione Salento che presenterà una mozione. Obiettivo: impegnare il governo regionale a prendere una posizione netta e chiara contro l’off-shore nel mare di tutta la Puglia.

E contro l’off-shore, il Movimento Regione Salento senderà in campo con un sit in domenica 14 novembre alle 10e30, a Santa Cesare Terme, in località La Fraula, il pubnto in cui doverrebbe passare il cavidotto che collega la centrale eolica martna alla rete elettrica nazionale, con opere a terra in uno dei tratti naturalisticamente più pregiati del Parco regionale costiero Otranto – Leuca.

Articoli correlati

La periferia disillusa: al voto sì, ma con rabbia

Redazione

La Regione si ostina a non risarcire gli esami ai malati di cancro, pignorate le somme dell’Aci

Redazione

Oggi finisce la zona rossa rinforzata ed entra in vigore il nuovo Decreto

Redazione

Perrino, riapre il reparto di Pneumologia. C’è il primo dimesso da Rianimazione

Redazione

L’iniziativa: l’ “espresso italiano” diventi patrimonio Unesco

Redazione

Peschereccio siciliano, le ipotesi di reato finiscono in Procura

Redazione