Cronaca

Aggressione omofoba nel bar di Leverano: tre denunce

LECCE- Un’aggressione accompagnata da insulti omofobi, con urla inneggianti al fascismo. L’episodio è accaduto nella notte tra il 24 e il 25 agosto nel bar “Barattolo A Sud” di Leverano, aperto da luglio sulla scia di un analogo locale lgbt di Bologna. A farne le spese è stato il titolare Antonio Paladini, 42 anni.

Dopo le indagini gli agenti della Digos hanno identificato e denunciato a piede libero i tre uomini: un imprenditore di 58 anni di Leverano, un poliziotto penitenziario di 49 anni in servizio a Parma e un 69enne di Carmiano. Per tutti l’accusa è di concorso in percosse aggravate da futili motivi e da finalità discriminatorie. Il 69enne deve rispondere anche di apologia del fascismo. Alla richiesta dell’esercente di lasciare il locale, avrebbe risposto urlando: “Siamo Fascisti” .
Secondo il racconto di Paladini, le tre persone avrebbero cominciato a lanciare insulti omofobi dichiarandosi orgogliosi di essere fascisti, spintonandolo contro un tavolo. Sarebbero poi fuggiti dopo l’intervento del personale di una pizzeria vicina intervenuto dopo aver sentito le grida.

 

 

 

Articoli correlati

Lecce, a fuoco i mobili nel porticato. Evacuate due palazzine

Sergio Costa

Gallipoli, a fuoco la collina di San Mauro. Paura anche in spiaggia

Mario Vecchio

Furti nei bar, in casa e per strada: arrestato ladro seriale

Redazione

Molestie sessuali: nella trappola del viceprocuratore anche donne incinta e infermiere

Erica Fiore

Nei brogliacci dell’inchiesta “insulti omofobi nei miei confronti”: il giudice Errede denuncia gli inquirenti

Redazione

Presicce-Acquarica: gatto morto davanti allo studio del sindaco

Redazione