AmbienteAttualitàEvidenza

La pineta inghiottita dal fuoco: ecco il disastro agli Alimini

OTRANTO- La litoranea degli Alimini rimane ancora interdetta per circa un chilometro: gli alberi interessati dal rogo sono pericolanti e rischiano di collassare sulla strada. Vanno tagliati e ci vorranno alcuni giorni. Poco più in là vigili del fuoco, Arif e Protezione civile si coordinano per le operazioni, mentre alcuni mezzi fanno rifornimento d’acqua agli idranti.

Da mercoledì a venerdì le fiamme hanno divorato il cuore della pineta e sono state domate solo grazie ad un intervento congiunto da terra e dal cielo. Le immagini dall’alto, che abbiamo girato con il drone, restituiscono la dimensione del disastro. Non è questione solo di estensione – 25 circa gli ettari interessati – ma anche di qualità di paesaggi ridotti in cenere: macchia e pineta incontaminate.

Per poter penetrare all’interno è stato necessario aprire nuovi varchi o allargare quelli esistenti. Un’operazione per nulla agevole: i mezzi pesanti bucano di continuo e alcuni rami rischiano di cascare in testa. Per comprendere meglio qual è la situazione, dopo aver indossato i dispositivi di protezione, raggiungiamo un’area interna già messa in sicurezza, accompagnati dai vigili del fuoco: alberi ridotti in pezzi di carbone. Del sottobosco non resta nulla. L’impatto sulla flora e sulla fauna è devastante: basta pensare che il sottosuolo ha raggiunto anche i 300 gradi.

La situazione ora è sotto controllo, con un monitoraggio diurno e notturno che va avanti da giorni. La perlustrazione costante consente di spegnere sul nascere i vortici di fumo che preannunciano nuove fiamme. Ci sarà da lavorare ancora. E ancora. La conta dei danni sarà complicata.

 

Reportage di Tiziana Colluto con immagini di Giorgio Cuppone

Articoli correlati

Aquile turrite a 49 piloti. Il Ministro Crosetto: “Siate fieri di rappresentare lo Stato”

Redazione

Come sono investiti i soldi della tassa di soggiorno? Interpellanza di Pasquino

Redazione

Occupazioni abusive, ArcaSud: nel Leccese il 3%. Casarano, “caso più eclatante” con l’8%. L’allarme dell’ente

Redazione

118, linea in crash: guasto riparato

Redazione

La stabilizzazione degli Oss sbarca davanti al Giudice del Lavoro

Redazione

Investimento da 6 milioni di euro per il Cetma

Redazione