Cronaca

Tragico schianto, muore a 27 anni. Feriti cinque giovanissimi

OTRANTO – Terribile incidente questa notte sulla Otranto – Alimini. In uno scontro frontale tra due auto ha perso la vita un 27enne di Torre dell’Orso. Feriti altri 5 giovanissimi

Drammatica notte nei pressi degli Alimini. A perdere la vita in uno scontro frontale avvenuto intorno alle 2,30 un 27enne residente a Torre Dell’Orso, Giuseppe Mazzeo. Il giovane viaggiava a bordo della sua Citroen C3 quando, per cause ora in corso di accertamento , si è scontrato con una Peugeot 308, con a bordo cinque giovani, tutti rimasti feriti. L’impatto frontale, sulla strada che collega Otranto agli Alimini, è stato fortissimo. L’auto sulla quale viaggiava la vittima si è ribaltata, accartocciata, finendo la sua corsa sulla Peugeout coinvolta nllo schianto.

Sul posto è immediatamente giunta un’ambulanza del 118 ed i Vigili del Fuoco, impegnati a liberare il 27enne dalle lamiere della vettura. I sanitari però non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del giovane.

Accompagnati negli ospedali di Scorrano e Lecce i cinque feriti. Si tratta di ragazzi tra i 18 ed i 19 anni residenti a Bologna, ed un giovanissimo di Otranto. Per due di loro la prognosi è riservata, meno gravi le condizioni degli amici che viaggiavano sulla stessa vettura.

Affidato ai Carabinieri della stazione di Otranto e della Compagnia di Maglie, intervenuti sul luogo della tragedia insieme agli agenti di Polizia, il compito di stabilire l’esatta dinamica di quanto accaduto. Stando ad una prima ricostruzione, sarebbe stata la Citroen ad invadere la corsia opposta.

Articoli correlati

Scontro tra scooter e fuoristrada: due in ospedale

Redazione

“Li misi lu cuscinu an facce”: indagata la madre di un bimbo autistico

Redazione

Sanità in crisi, nasce la Consulta dei medici: portavoce il brindisino Vinci

Redazione

Ilva, gli operai scendono dalle torri e incontrano il Prefetto

Redazione

Morte del dj Ivan Navi, sarà riesumato il cadavere

Redazione

Ordine e sicurezza, Mellone: “Controlli più intensi, ma serve la collaborazione delle vittime”

Redazione