Attualità

Università islamica a Monteroni: il Consiglio di Stato mette la parola fine

MONTERONI- Accogliendo le tesi difensive esposte dall’avv. Pietro Quinto difensore del Comune di Monteroni, il Consiglio di Stato mette la parola fine alla vicenda sulla possibile localizzazione nel Comune di una Università Islamica. “Il Consiglio di Stato –afferma l’avv. Quinto- ha riconosciuto la piena legittimità degli atti emanati dall’Ufficio Tecnico che non poteva che dichiarare inammissibile una istanza di lottizzazione, prodromica alla costruzione del Centro di formazione islamica, non avendo i proprietari la piena disponibilità dei terreni. I Giudici romani hanno attentamente valutato la portata degli atti emanati dal Comune ed hanno riconosciuto che quegli atti chiudevano il procedimento e pertanto  dovevano essere impugnati. Quel che ha portato i Giudici di Palazzo Spada –continua l’avv. Quinto- a respingere la domanda risarcitoria è il riconoscimento che il Comune non era affatto rimasto in silenzio e che non si era limitato a risposte interlocutorie, ma aveva provveduto seppure negativamente rispetto alle richieste dei privati, con ciò rispondendo tempestivamente alla richiesta lottizzatoria”.

Si chiude così definitivamente una vicenda che, tra l’altro, ha consentito di affermare un principio di diritto di carattere generale secondo cui l’ammissibilità di un progetto di lottizzazione presentato da un privato è condizionato alla circostanza che i terreni siano liberi da qualsivoglia onere e/o condizionamento

Articoli correlati

Isabella e Alessandro Vespa (figlio di Bruno Vespa) hanno pronunciato il fatidico “sì” nella cattedrale di Oria

Redazione

Ballottaggio, incontro “segreto” con vertici Asl e dirigenti medici

Sergio Costa

Centrodestra: “Emiliano chiama alle armi i primari della Asl pro Salvemini”

Sergio Costa

A Brindisi premiati gli studenti con il premio “Honestas”

Andrea Contaldi

Incentivi e opportunità per le imprese, continuano i convegni informativi di Federaziende

Barbara Magnani

Arpal e Progetto Policoro a sostegno delle fasce più deboli

Andrea Contaldi