Attualità

Dossier immigrazione: in Puglia meno arrivi, più migranti residenti

LECCE- E’ pronto, con dati ufficiali elaborati dal Centro internazionale di studi sull’immigrazione dell’ Università del Salento, il Dossier Statistico Immigrazione 2019 curato dal Centro Studi e Ricerche IDOS e sarà presentato giovedì prossimo. I dati di quest’anno si riferiscono al 2018 e sottolineano la strutturalità del fenomeno in Italia e in Europa: i residenti stranieri in Europa sono 39,9 milioni, in Italia 5.255.503, l’8,7 per cento della popolazione residente.

I cittadini stranieri residenti in Puglia al 31 dicembre 2018 sono 138.811, il 3,4% della popolazione pugliese, un dato pressoché stabile da 4 anni. La provincia che registra il maggior numero di residenti stranieri è Bari seguita da quelle di Foggia Lecce con (26.646), Taranto (14.446), Brindisi (11.761) e Barletta Andria Trani. Gli stranieri pugliesi sono una popolazione molto giovane: solo il 3,9% ha più di 65 anni. A livello regionale, si registra un sostanziale equilibro di genere: le donne sono il 49,6%. La componente femminile è prevalente per alcune comunità dell’Est Europa, per il Brasile, la Georgia e le Filippine, mentre gli uomini sono la maggioranza in molte comunità di provenienza africana (Sudan, Nigeria, Senegal, Tunisia, Gambia, Mali, Ghana) e asiatica (India, Pakistan, Afghanistan, Bangladesh).

Le provenienze geografiche. Sono 168 i paesi di origine dei cittadini stranieri residenti in regione, ma la migrazione in Puglia è prevalentemente europea: oltre la metà dei residenti è originaria infatti di un paese del Vecchio continente: Romania Albania , poi Marocco, Cina e Senegal (3,2%). Significativa nella provincia di Brindisi la presenza di cittadini inglesi che l’hanno scelta come luogo in cui trascorrere il periodo della pensione.

Nel 2018 c’è stata una crescita del 9,8% del numero di acquisizioni della cittadinanza italiana rispetto al 2017. I figli dei cittadini stranieri nati nel 2018 rappresentano il 5,2% di tutti i nuovi nati in Puglia . Gli occupati stranieri sono circa 57mila, il 4,7% del totale degli occupati pugliesi dei quali il 44,1% donne. L’84,8% sono lavoratori dipendenti e il 15,2% lavoratori autonomi. La maggioranza è inserita nel settore dei servizi nei servizi domestici e nel commercio

Il 5,1% delle imprese attive in Puglia sono gestite da cittadini nati all’estero, per un totale di 19.321 imprese: i titolari sono nati prevalentemente in Marocco, Svizzera, Senegal, Germania e l’8,8% in Cina. In Puglia, dal 2017 al 2018 il numero dei migranti in accoglienza è calato di circa 5mila unità, i minori stranieri non accompagnati presenti nelle strutture pugliesi sono 209 i dati del Dossier confermano per la Puglia il progressivo stabilizzarsi delle presenze straniere sul territorio.

Articoli correlati

L’incendio di stanotte riporta alla mente altre due tragedie del mare, al largo di Brindisi

Redazione

Gallipoli, avviati i lavori nella zona “Giudecca”, il tratto di lungomare danneggiato dalla mareggiata

Redazione

Tap, da lunedì possibile ripresa lavori. Parlamentari M5s chiedono sequestro

Redazione

Viva 2017: al via ad una settimana all’insegna della Cultura del Primo Soccorso

Redazione

Corte dei conti, sì al Rendiconto ma i giudici bacchettano la Regione

Redazione

Covid: oggi in Puglia 515 nuovi casi. 43 nel Leccese

Redazione