Sport

Via del Mare stregato: Lecce-Roma 0-1. Terza sconfitta interna consecutiva

LECCE (di M.C.) – Ancora una sconfitta per il Lecce al Via del Mare; nella 6^ giornata del campionato di serie A è la Roma a depredare lo stadio leccese e nonostante la bolgia del tutto esaurito in ogni ordine di posto e la spinta d’un pubblico che comunque ha vinto, il Lecce scivola ancora. Tuttavia i ragazzi di Liverani avrebbero meritato qualcosa in più per l’impegno e per aver tenuto testa al quotato avversario.

Termina 1 a 0: decide un gol di Dzeko al 56°.

Liverani rispetto all’undici iniziale della gara vinta contro la Spal sostituisce Tabanelli con Tachitsidis che completa il centrocampo con Majer e Petriccione; difesa formata dunque da Calderoni a sinistra e Lucioni e Rossettini centrali, con Gabriel in porta, mentre tre le linee in avanti Mancosu a supporto di Falco e Babacar

Fonseca si presenta con una difesa a 4 con Florenzi, Mancini, Smalling, Kolarov e Pau Lopez in porta; con Diawara e Veretout a coprire la linea arretrata del centrocampo e Kluivert, Pellegrini e Mkhitaryan a supporto di Dzeko.

Arbitra il sig. Rosario Abisso di Palermo coadiuvato dai signori Damiano Di Ioro di VCO e Marco Bresmes di Bergamo, IV Uomo sig. Niccolò Baroni di Firenze; in sala video al V.A.R. il sig. Marco Guida di Torre Annunziata e A.V.A.R. il sig. Valentino Fiorito di Salerno.

PRIMO TEMPO – Al 3° Kolarov da fuori lascia partire una sassata da fuori area, Gabriel non trattiene ma Lucioni mette in angolo; sugli sviluppi, al 4°, il Lecce esce e manovra bene, palla a Calderoni, lancio dall’altra parte, arriva a Falco, cross morbido in mezzo, sfera a Petriccione che da buona posizione potrebbe punire Pau Lopez che però si salva.

Insiste il Lecce, errore di Mancini, prende Babacar calcia ma la palla finisce di poco fuori.

Al minuto 8 cross di Florenzi e malinteso tra Gabriel e Lucioni ma il difensore riesce a mettere fuori e gli ospiti chiedono un fallo di mano, per il V.A.R. è tutto regolare.

È una bella gara, vibrante, ritmi alti nonostante il caldo.

Al 13° Roma pericolosa: sugli sviluppi di un corner provocato da Rispoli su Kolarov, lo batte lo stesso Kolarov stacca Mancini ma trova Calderoni a respingere la sfera. Accelera la Roma e al 15° Gabriel esce e toglie la sfera dalla traiettoria di Dzeko.

Al 18° primo giallo della gara: sgroppata di Calderoni e Florenzi lo atterra, ammonizione e punizione. La batte Petriccione libera la Roma.

Al 22°reazione Lecce: grande giocata di Falco che imbuca in area Mancosu che prova il diagonale ma sbaglia.

Al 27° prima Babacar scarica su Mancosu che calcia ma trova pronto Pau Lopez e subito dopo ci prova Falco ma il tiro è debole e il portiere non ha problemi.

La Roma però fa la gara con i salentini che aspettano di colpire di rimessa. Squadre ben messe in campo: quello del Lecce sembra più, in alcuni frangenti, un 4-3-3 con Falco che ricama calcio a destra e Babacar che ci prova di potenza a sinistra e al 37° prova il tiro a giro ma Pau Lopez para. Al 38° salentini vicinissimi al gol: Rispoli dal fondo crossa in mezzo per Mancosu che calcia e sbaglia di pochissimo la mira.

Al 40° Falco ruba palla a Diawara, corre, Dzeko prova il fallo due volte ma il “Messi del Salento” danza sulla sfera, leggere finte di corpo, corsa, velocità e dal limite calcia ma Pau Lopez si distende e para.

Botta e risposta, al 43° Roma pericolosa con Kluivert che entra in area in accelerata la mette in mezzo ma Rossettini libera.

Al 45° Lecce vicino al vantaggio: Babacar controlla bene e serve Mancosu che calcia di prima da buon a posizione ma sbaglia.

Dopo 3 minuti di recupero tutti negli spogliatoi e reti ancora “bianche”.

SECONDO TEMPO – Si ricomincia con gli stessi 22 del primo tempo.

Al 48° Roma vicina al vantaggio: Diawara gioca in verticale per Dzeko che trova il corridoio per Mkhitaryan che calcia di poco fuori da posizione ottima.

I capitolini sono rientrati in campo con il coltello tra i denti, il Lecce soffre.

Al 52° cambio nel Lecce fuori Mancosu dentro Shakhov.

E al 56° equilibri in frantumi: Kluivert sfrutta un errore di Majer serve Mkhitaryan che va sull’esterno e la mette in mezzo, passettino e stacco di Dzeko e palla nel sacco.

La Roma non si ferma, accelera ancora, il Lecce non riesce a reagire. Minuti duri per i padroni di casa.

Al 63° break dei padroni di casa: Falco fugge via serve Babacar scarica su Calderoni che calcia ma la palla si alza sopra la traversa.

Subito dopo fuori Tachtidis dentro Imbula per Liverani.

I padroni di casa iniziano a ragionare e alla fine del 63° si rendono pericolosi con Shakhov. Poi la Roma cede campo e si rintana nella propria metà campo.

Al 64° spinge Falco lascia partire un cross ma la sfera termina di poco fuori.

Al 70° cambio Roma: dentro Zaniolo fuori Pellegrini.

Al 75° cambio nel Lecce: esce Babacar entra La Mantia.

E al 77° cambio Roma: fuori Florenzi dentro Spinazzola.

Nel migliore momento arriva la doccia fredda per il Lecce: il sig. Abisso al 78° fischia un calcio di rigore per un fallo di mano di Lucioni su tiro di Dzeko.

Match point nei piedi di Kolarov: tiro e miracolo di Gabriel che lo para distendendosi all’angolino.

I salentini sono in partita; si fa a sportellate a centrocampo, Imbula mette ordine e i suoi compagni attaccano con rabbia e i tifosi alzano il volume, vogliono il pareggio.

Al minuto 87 dentro Cristante fuori Mkhitaryan per gli ospiti.

La Roma perde tempo e spezzetta l’ultimo frangente di gara; il Lecce si innervosisce ma si riversa in avanti con rabbia. La lavagnetta segnala 6 minuti di recupero. I padroni di casa si dannano l’anima, ci provano con il cuore ma termina con la terza sconfitta consecutiva in casa e il Via del Mare resta per adesso, ancora stregato, per i ragazzi di Liverani.

La Nord saluta la squadra con il coro: siamo sempre con voi. Lo stadio tutto applaude i ragazzi nonostante la sconfitta.

TABELLINO

LECCE – ROMA 0-1

LECCE (4-3-1-2): Gabriel; Rispoli, Rossettini, Lucioni, Calderoni (63° Imbula); Petriccione, Tachtisidis, Majer; Mancosu (52° Shakhov); Babacar (75° La Mantia), Falco. A dispozione: Vigorito, Bleve, Riccardi, Vera, Benzar, Meccariello, Dubickas, Gallo, Lo Faso. Allenatore: Liverani.

ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez; Florenzi (77° Spinazzola), Mancini, Smalling, Kolarov; Veretout, Diawara; Kluivert, Pellegrini (70° Zaniolo) Mkhitaryan (87° Cristante); Dzeko. A disposizione: Fuzato, Mirante, Juan Jesus, Santon, Kalinic, Fazio, Pastore, Antonucci. Allenatore: Fonseca.

ARBITRO: sig. Rosario Abisso di Palermo

ASSISTENTI: sig. Damiano Di Ioro di VCO e sig. Marco Bresmes di Bergamo; IV Uomo sig. Niccolò Baroni di Firenze, V.A.R. sig. Marco Guida di Torre Annunziata, A.V.A.R. sig. Valentino Fiorito di Salerno.

MARCATORI: 56° Dzeko (R )

AMMONITI: 18° Florenzi (R ), 25° Mkhitaryan (R ), 78° Lucioni (L), 84° Rispoli (L), 90+4 Cristante (R )

NOTE: spettatori paganti 7281, abbonati18763,spettatori totali 26.044; incasso paganti 157.590, quota abbonamenti 238.600, 33, incasso totale 396.190,33.

Articoli correlati

Nuoto, Pilato in forma olimpica. Certezze per i 100 rana

Francesco Friuli

Basket A2, HDL Nardò prepara la stagione delle novità. Smith ai saluti

Massimiliano Cassone

Brindisi FC: tutto tace ma si attendono novità

Massimiliano Cassone

Lecce, idee per l’attacco

Tonio De Giorgi

Nuoto, per la Pilato nuovo record italiano

Tonio De Giorgi

Lecce, continuità e ambizioni

Massimiliano Cassone