Cronaca

Sparò al fidanzato della figlia, 2 anni e 8 mesi per un 43enne

COPERTINO- L’accusa di tentato omicidio è caduta ed il reato per il quale il 43enne di Copertino Marco Cordella è stato condannato a 2 anni e 8 mesi è di lesioni e porto d’arma. Si è concluso così il processo in abbreviato che ha visto imputato il 43 enne che il 26 aprile di un anno fa sparò al fidanzato della figlia, un dj di 28 anni, ferendolo con due colpi d’arma da fuoco alla scapola e a una coscia. Quel giorno il giovane aveva appena lasciato la fidanzata al lavoro, in un supermercato di Lecce, ed era stato raggiunto dai colpi d’arma da fuoco. Marco Cordella, sul quale si erano da subito concentrati i sospetti dei carabinieri si era reso irreperibile per poi costituirsi dopo cinque giorni.

Il pm aveva chiesto una condanna 4 anni. La sentenza è stata emessa dal giudice Sergio Tosi dopo la discussione degli avvocati difensori Luigi Rella e Lorenza Preite e sì è basata anche su una perizia balistica che aveva confermato che l’arma, così come era stata modificata, non avrebbe potuto uccidere. La parte civile è rappresentata dall’avvocato Paolo Spalluto.
 

Articoli correlati

Scazzi, legale Cosima: “Sentenza non chiara. Ora lei è disperata per il destino di Sabrina”

Redazione

Boom di Cassa integrazione straordinaria: “molte aziende salentine in fase terminale”

Redazione

Il veicolo: controlli e sanzioni. Giornata di studio per le forze dell’ordine

Redazione

Abusò di un 14enne, condannato un ambulante

Redazione

Gli operai Omfesa bloccano i binari: treni paralizzati

Redazione

Esplosione nel negozio con una vittima: prescrizione annulla accuse e condanne

Redazione