Cronaca

“Comportamento antisindacale”, il giudice condanna ArcelorMittal

TARANTO-Il giudice del Lavoro di Taranto, Lorenzo De Napoli, accogliendo un ricorso presentato dall’Usb ha condannato per comportamento antisindacale ArcelorMittal, ritenuta responsabile di aver proceduto alle assunzioni (10.700, di cui 8200 a Taranto) e alle dichiarazioni di esubero (2586) dei lavoratori dello stabilimento siderurgico ex Ilva in maniera non chiara e trasparente. Il giudice fa obbligo all’azienda di comunicare le concrete modalità applicative del criterio delle competenze professionali e, a parità di queste, dei punteggi e delle graduatorie relativi all’attuazione dei criteri sussidiari dell’anzianità di servizio e dei carichi di famiglia. La sentenza ordina la cessazione della condotta sindacale e la rimozione dei suoi effetti mediante le comunicazioni richieste che ArcelorMittal Italia dovrà fornire entro il termine di 60 giorni alle organizzazioni sindacali firmatarie dell’accordo del 6 settembre 2018.

Articoli correlati

Chiusura Centro Polivalente, duro scontro in commissione

Redazione

Palazzine ex Iacp: torna il rischio taglio dell’acqua?

Redazione

Ragazzi “promotori cultura sicurezza stradale”, si chiude il corso della Questura

Redazione

Alluvione: dopo l’sos di Confcommercio, 10 milioni dalle banche

Redazione

Esce a gettare la spazzatura, ferito da un proiettile vagante

Redazione

Presunto stupro in pineta, il caso nelle mani del Prefetto

Redazione