AmbienteCronaca

Cesine devastate, parte l’inchiesta: la Procura apre un fascicolo

VERNOLE- La Procura di Lecce avvia un’inchiesta sul maxi rogo che ha distrutto sessanta ettari vicino alla riserva delle Cesine, lungo la costa di Vernole. Il pm Elsa Valeria Mignone, a capo del pool ambiente, ha aperto un fascicolo a carico di ignoti, ipotizzando al momento il reato di incendio colposo. In mattinata, i carabinieri della Forestale hanno effettuato un sopralluogo nella zona, alla ricerca di elementi che possano portare all’individuazione del o dei presunti piromani.

La certezza, ad oggi, è solo sul primo punto di innesco, individuato dalla Forestale nel mezzo del canneto a sud dell’oasi del Wwf e da cui si sarebbe propagato l’inferno, mentre ci sono dubbi sugli altri due focolai, che pure i vigili del fuoco hanno individuato in prossimità del Parco Manà e della provinciale che collega la litoranea con Acquarica di Lecce. Le indagini proseguiranno anche con l’acquisizione, laddove possibile, dei filmati delle telecamere di videosorveglianza presenti in zona.

Articoli correlati

Abusivismo nella struttura turistica: nuovi sigilli a Porto Cesareo

Redazione

Sigilli a discarica abusiva tra ulivi e vigneti, denunciati padre e figlio

Redazione

15 denunce per violazione dei sigilli, si sfiora la rissa a Porto Miggiano

Redazione

Schianto sulla Melendugno-San Foca, auto travolge moto: centauro in Rianimazione

Redazione

Tap, xylella su quattro ulivi: “pronti a sradicarli”, ma il quadro si complica

Redazione

Il dramma della vigilessa suicida: la mamma scomparsa nel nulla

Redazione