Attualità

Interruzione di gravidanza, il Consiglio regionale boccia la proposta salta-ostacoli

BARI- Il Consiglio regionale della Puglia ha respinto la proposta per la concreta attuazione in Puglia della legge n.194 del 1978. E lo fa proprio nel 40esimo anniversario della legge sull’interruzione volontaria della gravidanza.

La proposta è stata presentata da Sinistra Italiana ed era diretta a superare la difficoltà con cui si procede in Puglia, introducendo soluzioni per consentire alle Asl di garantire una dotazione necessaria di figure professionali disponibili a praticare l’interruzione volontaria, tramite anche l’attivazione della mobilità e di convenzioni.
E’ stata bocciata dai consiglieri dei gruppi del centrosinistra (Pd e liste civiche), del centrodestra (Fi, Dit, FdI, Lega) e dal Movimento 5 Stelle che hanno sollevato questioni di incostituzionalità, di inutilità e di obiettivi diversi da perseguire (come il contrasto alla denatalità). Assente al momento del voto il presidente della Regione Puglia ed assessore regionale alla sanità, Michele Emiliano.

Articoli correlati

Nasce “Ulì”, il nuovo olio tutto salentino

Redazione

Giuseppe, giovane agricoltore ai coetanei: “Non perdiamo le speranze”

Redazione

Cucina il Salento: torna la sfida a colpi di mestolo

Redazione

Criticità Pronto Soccorso “Fazzi”, Pagliaro e Lopalco: “Urge riorganizzazione”

Redazione

In bus come sardine: l’odissea degli studenti pendolari. Il caso in Regione

Redazione

Protesta lavoratori Sanità Service, l’amministratore rassicura sulle forniture

Redazione