Attualità

No al forno crematorio di Botrugno, Lilt scende in campo

BOTRUGNO – In merito al progetto di realizzazione del forno crematorio a Botrugno a scendere in campo è oggi la LILT di Lecce.

Nella nota diramata dalla Lega Tumori leccese si legge che “qualsiasi pressione ambientale dovuta a nuovi insediamenti industriali e non, va inquadrata e valutata, a fini autorizzativi, entro una analisi dello stato di salute complessivo del territorio e della popolazione, attingendo a indicatori epidemiologici quali la mortalità e l’incidenza di malattie. Già nel 2010 ARPA Puglia registrava nel Salento, da diversi anni, elevati tassi di mortalità per tumore al polmone.

E’ dunque prioritario per il Salento -prosegue la nota- evitare ulteriori fonti di pressione ambientale. Il progetto in questione invece desta elevata preoccupazioneproprio per il forte impatto sul territorio . Nella relazione tecnica che accompagna il progetto, riteniamo che l’aspetto delle emissioni nocive sia stato non adeguatamente affrontato e comunque sia stato sottovalutato in maniera conclamata”.

Articoli correlati

“Taglio indennità per aiutare chi ha bisogno”, a Lequile la proposta del consigliere Nicolini

Redazione

Decani del Foro premiati in Tribunale. Cerimonia per le “Toghe d’Oro”

Redazione

Lecce 2017, vertice barese PD: il candidato sindaco dopo il referendum?no, dopo la befana. Senza unità, primarie

Redazione

Fuochi e botti: se proprio non potete farne a meno

Redazione

Arif: la Giunta designa commissario straordinario

Redazione

Avvocati al voto, nasce “Alleanza per l’avvocatura salentina”

Redazione