AttualitàCultura

Il Capo di Leuca s’è messo in “cammino” per essere la nuova Santiago De Compostela

BARBARANO- Il Capo di Leuca s’è messo letteralmente in cammino: passo dopo passo, come la storia che ha segnato il tempo, lungo la strada che porta a Leuca, al suo santuario mariano, alla “fine della terra”.


Un patrimonio di fede, rivalutato in opportunità di slancio e rilancio per la fetta più povera della provincia di Lecce. Il primo tratto dei “Cammini di Leuca” è stato inaugurato nel pomeriggio: il vescovo di Ugento, Vito Angiuli, colui che ha insistito sul progetto e sulla visione del Capo di Leuca come “città diffusa”, ha chiamato a raccolta i 18 sindaci del territorio.

Ritrovo a Barbarano, presso il complesso di Leuca Piccola, poi il cammino vero e proprio tra i paesi, fino a Vereto, sulla collina della vecchia Patù. E’ la via che hanno ricominciato a percorrere i fedeli e gli appassionati del turismo lento di tutta Europa, il cammino di Santiago del Salento.

L’obiettivo è farne un traino vero, nuova economia, nuovo lavoro, in una terra votata, per il momento, all’invecchiamento e allo spopolamento. È per questo che è nata la Fondazione di Partecipazione Parco Culturale Ecclesiale, prima esperienza a livello nazionale della CEI in tal senso. Un altro modo di concepire e valorizzare l’attrattività del Salento.

Articoli correlati

Necessario un tavolo di confronto per affrontare la crisi

Andrea Contaldi

Balzo in avanti del trasporto pubblico durante il G7

Mimmo Consales

Terme di Santa Cesarea,pronto l’accordo: al Comune le quote della Regione. Con un “ma”

Mary Tota

Giornalista di Telerama aggredito, la solidarietà di Saverio Congedo

Redazione

La festa dei Lampioni pronta ad “illuminare” Calimera

Antonio Greco

Terme di Santa Cesarea, l’affondo dei sindacati: “Mancano investimenti e programmazione”

Redazione