CulturaEventi

Con Povia, i bambini di S.Massimiliano Kolbe fanno “Ooh”

LECCE- Il grande pubblico lo ha conosciuto con il tormentone “Quando i bambini fanno Ooh” e poi con “Vorrei avere il becco“. Poi si è presentato sul palco dell’Ariston con “Luca era Gay”, un testo sull’omosessualità, e ancora con “La Verità”, dedicata ad Eluana Englaro.

Un cantautore impegnato e un avvocato coraggioso, che ha regalato una performance toccante al Teatro Kolbe. Una coppia ben assortita quella composta da Giuseppe Povia e Gianfranco Amato, pronti a girare l’Italia per affermare attraverso la formula del concerto-convegno il valore della famiglia naturale e combattere i pericoli che derivano dalla cosiddetta teoria gender.

Povia  ha eseguito diversi brani del suo nuovo album “Nuovo contrordine morale”. Amato ha commosso il pubblico con il del delicato  tema dell’utero in affitto, con riflessioni sui trattati dell’Unione Europea, sull’evoluzione storica che ha determinato l’Unità d’Italia e sul rapporto tra Diritti e Sociale. Tre ore di spettacolo che hanno coinvolto il pubblico di grandi e piccoli.

Articoli correlati

La festa dei Lampioni pronta ad “illuminare” Calimera

Antonio Greco

Pietro e Paolo, i santi “influencer” che uniscono la comunità galatinese

Redazione

Dal 15 al 25 luglio torna il festival “Teatro dei luoghi” con 18 diversi spettacoli

Barbara Magnani

E’ morta la consigliera provinciale Annarita Perrone

Redazione

A Mesagne “Sette secoli di arte italiana”

Andrea Contaldi

Veglie, tre giorni di festa per S. Giovanni Battista

Redazione