Cronaca

Forni crematori, la guerra tra imprese: “Va stoppato il progetto di Scorrano”

SCORRANO- Si profila una guerra di carte bollate sui forni crematori. Altair srl, la società capofila del progetto di Botrugno, ha annunciato di aver conferito mandato ad un legale per diffidare Provincia di Lecce e Comune di Scorrano a proseguire in un altro iter autorizzativo, quello che, appunto, riguarda il project financing presentato dalla Leucci srl a Scorrano, che non compare tra i comuni individuati da Palazzo dei Celestini come quelli idonei a ospitare templi crematori.
“Proprio grazie alla legge regionale di Polizia mortuaria e alla delibera provinciale che autorizza solo un tempio crematorio sull’intero territorio – dicono dalla società – non si potrà avere la moltiplicazione selvaggia degli impianti”.

Articoli correlati

Lecce, a fuoco i mobili nel porticato. Evacuate due palazzine

Sergio Costa

Gallipoli, a fuoco la collina di San Mauro. Paura anche in spiaggia

Mario Vecchio

Furti nei bar, in casa e per strada: arrestato ladro seriale

Redazione

Molestie sessuali: nella trappola del viceprocuratore anche donne incinta e infermiere

Erica Fiore

Nei brogliacci dell’inchiesta “insulti omofobi nei miei confronti”: il giudice Errede denuncia gli inquirenti

Redazione

Presicce-Acquarica: gatto morto davanti allo studio del sindaco

Redazione